Torneo di Taranto 17-18-19 Aprile

13 Aprile 2014 da Ping Pong Italia · 1 Commento 

Vi segnalo anche se un po’ in ritardo un Torneo, quello di Taranto nella regione Puglia al quale bisognerebbe partecipare. I motivi per farlo sono diversi, primo fra tutti il pregevole valore del montepremi, €5000 mica male no? Poi perché ad organizzarlo ci sono dei miei vecchi amici e mi dispiacerebbe se la manifestazione non riscuotesse il successo che merita, infine un torneo in più è sempre il benvenuto.

Un’idea agli organizzatori: in America esiste anche l’iscrizione ritardata (late fee), se qualcuno volesse partecipare anche a tempo scaduto accettatelo lo stesso magari con una leggera penalità.

Vi raccomando di partecipare e buon torneo agli atleti ed agli organizzatori, sarei a casa in quei giorni e mi farebbe piacere passare una giornata a Taranto, ma è una “gara” dura.

Info e dettagli:

www.tarastennistavolo.it

The Ability That Creates Disability

21 Marzo 2014 da Ping Pong Italia · Lascia un commento 

An Idea For The European Table Tennis

A few years ago I highlighted, in an article from this blog, the technical differences still existing today between the Chinese and European school of table tennis. That article previous post received recognition from both the Chinese and German media. From this article I’d like to propose some suggestions that may help to narrow the performance gap existing between China and the rest of the World. To better define this subject, it’s necessary to do a short, but essential introduction about what ping pong actually is in it’s entirety.
Although ping pong, to many people may seem like a banal game (from a certain point of view it really is, one has to hit the ball back to the opposite side of the table and what’s done is done), but not to me. I strongly believe that the fundamental concepts of this sport should always be taken into account. Ping pong is action and reaction, it’s motion and coordination, it’s tactic and strategy, it’s technique and physical strength, it’s motivation and determination, and more. All these features are governed by ability. As one can see ability has multiple ways to express itself, I think that Europeans, and generally the rest of the World, except China, use ability in either a wrong or different way.
To better understand the meaning of this subject we have to talk about ability. European and the rest of the ping pong world is still suffering, and will do it for several years to come, for wanting to focus on “playing ability”, yet in various situations from time to time, their playing evolves into a type of defense. All this in addition to mistakes of technical planning as I mentioned in the previous article. The point in question I’d like to address is this one: The ability of a player to put into practice his/her best shots, skillfully.
One of the examples of “playing ability”, and probably the best ever, was J.O.Waldner. An unmatched talent capable of anything, envied as much as emulated by many followers. If on one side Waldner has been a role model, on the other side he created a situation for an abnormal technical and mental development, representing a playing style different from what is today the real concept of ping pong: fast rallies and continuity. I hope Waldner will forgive me, and far be it from me to acknowledge him for being somewhat responsible for the China-Europe gap (and the rest of the world). Furthermore, I have a deep respect for him as a person and for his accomplishments. Another influential player worthy of mention is Michael Maze. Unfortunately his victo- ry at the 2005 World Championship against Hao Shuai, playing high lobs, has set a negative precedent that contributed to the demise of European and Japanese ping pong players. The moral of the story: It’s possible to beat Chinese players with playing defense, yeah right.
Going back in time there are more examples, like French player Secretin and Liang Ge Liang, go figure the only Chinese, the so called “Allround” players, to put it better, the ability of playing with diverse style, in any situations. Again, I don’t think they are directly responsible, I’m only stating the facts, and the facts indicate that for about two decades European players haven’t been able to create a playing identity. The only exception comes from France which has excellent players (in the picture Mattenet FRA) with great potential but suffer from the drawbacks mentioned above, transforming the game into a sort of restrained action without being aggressive.
The 40mm ball has actually aided to support this negative tendency in Europe. The ball speed being slower, enticed us into even slower rallies succumbing players to play fancifully. While in China Liu Guoliang dictated the course of action for an aggressive power play, executed with ferocious tactic, (by the way, have you ever seen Liu Guoliang stepping back and playing defense?). Europeans stood by and watched hoping that a larger ball could facilitate them, wasting time and struggling against Chinese superpower, often clinging to their whimsical “playing ability”, rather than do it head to head, the ability in playing. It’s time to change attitude.

The real pioneer of modern play since the 70’s and 80’s is Hungarian Tibor Klampar. A real talent. In my opinion his play was effeminate, in the sense that today almost all women players play the same way, close to the table. They never step back, have fast action, precise ball trajectories, and spin variations. All the other players play a chopping-type defense. Among women, the playing ability at an international level has been represented only by the Hungarian Toth, often against the Asian fast play, when she would frequently play high looping lobs. I really appreciate the manner in which women play. It gives me the impression of being complementary to male play. Male players find it difficult to adopt theses strategies, they don’t even think to do these things. Can you imagine to play like women, very fast and at the same time powerfully? For sure, we have to adjust the foot work, no more crossovers, moving left and right, but with shuffle steps, and legs wide apart to maintain balance. This is essential for improving speed in the execution of strokes and explosiveness of the body, shoulder flexibility, mental speed, etc…
I’ve never attended a Chinese national championship but would really like to. I’d like to take this opportunity to recommend it to all coaches, especially European ones, to do it, there’s nothing wrong in doing it, no contraindications nor side effects, it would be just a positive thing. I’m convinced that matches between Chinese players are everything but a sort of defensive game. They face each other with head held high. One serves, the other returns the serve, does a top spin (loop) or opens up on the table, a block, and so on in an escalation of intense tactic.
To understand this concept better, I’ll give you an example that you may find very familiar. When we practice at the club, either by ourselves or in a training camp, we always end in the same situation, one player attacks, and the other defends at his/her best, withdrawing away from the table as fast as possible, often fishing with high lobs. I often see many young players stepping back from the table, with a quick sprint to get to a far position, like they were going to give up playing. How many times have we seen that scene? Many times. This strategy only stimulates the playing ability, a sort of ability that makes us weak, passive, technically and mentally vulnerable. Day after day the player develops defensive game conditions, hoping to reverse the quality of the rally hoping to resolve it with a recovering shot, a desperate counter loop, a heavy chop, and so on. It seems normal, who doesn’t do it nowadays? This is indeed the problem. We have to go back to playing fast rallies and scoring points and NOT raising the white flag, play defensively, returning the ball in the best possible way, hoping who knows what. This attitude creates weakness and mental dependence. Many times we score a point at the expense of a non-winning strategy. This gives us the illusion of being skilled, an illusion that fails fatally when playing against somebody with a solid and concrete style. Someone with speed and power, aggressiveness and determination, something that Chinese players know perfectly. Note, I’m not saying that we can’t play (ball) control, but being too passive shouldn’t be the main focus.
The Europeans are sharp, know tactics and technique and have creativity and talent. They don’t need all this, they already have it. Over time they have even improved, although they have lost the sense of playing, it’s dignity, fluidity, harmony and beauty.
I don’t like to take examples from other sports, but look at tennis, “our cousin.” Right now (Summer 2013), Wimbledon can inspire us. I’m not considering the show, I analyze the rally, the game itself. Play, rally, return the ball, if you can’t keep up, you can’t reach the ball, and you will lose. In Table Tennis it is not the same thing. If we can’t keep up, we step far from the table, retrieving, hoping not to get a final blow so we can catch up and maybe turn things around. To paraphrase tennis, I have the impression that the Chinese are phenomenal playing either on grass and on clay, while everybody else only on clay. And what about fencing, a sport resembling pingpong being a duel. In fencing one can win fighting, not stepping back. What is a duel if one runs away?

We, the rest of the World, know two methods (Dr Jekyll & Mr. Hyde), one for training schemes, the other for free playing. During training we are excellent, making very few errors, and playing regular rallies with continuous high-quality stroke execution. We are persistent, enduring, and well predisposed mentally. In free playing we change the way we play, almost hiding our ability, we get unrecognizable, then we stop the continuity, our playing gets imprecise, the strokes are less effective, we are doubtful, with a defensive attitude. All this happen during training, imagine it during a competition. Europeans need playing coherence, meaning continuity during fast rallies, reactivity of the legs, and the ability to repeat the same actions in the same way, naturally, continuously, constantly, without interruptions whatsoever, almost like playing a game. Any time we move away from this method, it means weakness. A tiny crack which, in the long run, destabilizes the whole structure, until it will collapse.
To get to a stage of real competitiveness, we have to strengthen the mentality for a consistent playing. We have to be able to keep up the rally, become more powerful, adopt tactics and strategies in a obsessive disciplined way, To achieve this, ideas are not enough, we must work, with constancy and discipline.
We need awareness to be ready to take a step backward in order to take two steps forward. We need dedication and willpower. We need physical and mental training. We have to give up the “playing ability” to leave room for coherent playing, which is the real ability playing the one with capitol A,. The one that supervises everything, the boss. We must start with the new generation of players and educate them in regard to coherent playing: the continuity of playing rallies close to the table, to open up with a flick or any spinning ball before our opponent does, not being afraid to block on the table or counter-hitting with a loop, placing the ball, and not being passive during a confrontation.
I’m sure that China is not invincible. Most players have resigned themselves to the fact that China will win. Well I’d like to go against the majority. I believe in the willpower of Europeans and the rest of the World. I’ve seen the Chinese training as well as the Europeans, The Chinese are continuous, constant, they don’t give up, we do. Even in China there’s something similar, the ones that fall into temptation with the playing ability, fatally succumb.
And us, what don’t we have that we can’t accomplish the same results?
Let’s go Rest of the World!!!

Thanks to Alex Rossi and his wife for being so helpful in translating this post. Grazie Alex

The original italian post

Un’idea per l’Europa pongistica.
Alcuni anni fa avevo evidenziato in un articolo apparso proprio su questo blog le differenze tecniche fondamentali che c’erano e che ci sono tutt’oggi tra la scuola cosiddetta cinese e quella europea. L’articolo precedente post era stato poi ripreso dalla rivista cinese e anche da quella tedesca riscuotendo notevoli apprezzamenti. Con questo pezzo invece vorrei formulare delle proposte di lavoro che potrebbero consentire di ridurre il divario qualitativo che c’è tra la Cina e il resto del mondo. Per definire meglio il contenuto di questo pezzo è importante fare una breve ma essenziale introduzione su che cos’è effettivamente il pingpong nella sua interezza.
Sebbene il gioco del pingpong per molta gente possa apparire banale (da un certo punto di vista lo è sul serio, basta rimandare la palla nell’altro lato del campo ed il gioco è fatto), per me non lo è, perché credo profondamente che i concetti fondanti del nostro sport debbano essere tenuti sempre in considerazione. Il pingpong è azione e reazione, è movimento e coordinazione, è tattica e strategia, è tecnica e prestanza fisica, è motivazione e determinazione, e altro ancora, tutte queste caratteristiche fanno riferimento a un capo, a un soprintendente: l’abilità. Come vedete l’abilità ha molti modi di esprimersi, molte sfaccettature, penso che noi europei e, più in generale, il resto del mondo eccetto Cina, faccia un uso sbagliato e/o diverso dell’abilità.

Quindi per capire meglio il senso del discorso dobbiamo partire dall’abilità.
L’Europa paga ancora oggi e per svariati anni a venire, oltre per gli errori sull’impostazione tecnica di cui parlavo nel precedente articolo, anche per il voler giocare concentrandosi sul gioco di abilità nelle varie situazioni che si presentano di volta in volta, situazioni che si evolvono in una sorta di difesa. Il punto su cui vorrei porre l’attenzione è proprio questo: l’abilità all’interno del sistema di gioco.
Uno dei più grandi maestri dell’abilità di gioco, se non il più grande di sempre è J.O. Waldner, un talento unico capace di tutto, tanto invidiato quanto emulato da moltissimi seguaci. Se da una parte Waldner ha fatto scuola, dall’altra ha creato le condizioni per una crescita tecnica e mentale anomala rappresentando un modello di gioco distante da quello che oggi è il concetto vero del pingpong ossia lo scambio rapido e la sua continuità. Spero Waldner non me ne voglia e lungi da me nel riconoscergli una qualche responsabilità diretta sul gap Cina/Europa e Resto del Mondo, inoltre nutro una profonda stima per la persona e grande ammirazione per le sue imprese. Un altro esponente da menzionare è senz’altro Michael Maze, purtroppo la sua partita dei Mondiali di Shanghai 2005 contro Hao Shuai vinta in difesa alta ha creato un precedente negativo che ha contribuito a deprimere ulteriormente il gioco europeo e in alcuni casi anche quello giapponese. Morale della favola: i cinesi si possono battere giocando in modo difensivo, furbetto.
 Andando ancora indietro nel tempo abbiamo avuto altri esempi illustri come il francese Secretin per l’Europa e, pensate, un unico cinese, uno solo Liang Ge Liang, i cosiddetti giocatori “Allround”, ossia l’abilità di gioco fatta a persona. Ripeto, ancora una volta, che non ci sono responsabilità dirette, espongo solamente la verità dei fatti. I fatti indicano che per quasi due decadi, i giocatori Europei non sono riusciti a creare una propria identità di gioco. Un’unica eccezione viene dalla Francia che ha ottimi giocatori ( nella foto Mattenet FRA) con grandi potenzialità ma che risentono di quel background che menzionavo poco fa, sviluppando il proprio gioco in una sorta di azione di controllo senza graffiare più di tanto.
La palla da 40mm ha di fatto contribuito a consolidare questa tendenza negativa dell’Europa. Il fatto che la palla vada più lenta ci ha indotto a considerare lo scambio più lento, ci siamo quindi adagiati a fare un gioco di abilità. Mentre in Cina Liu Guoliang dettava le linee guida per un gioco muscolare, aggressivo e potente eseguito con tattica feroce, (a proposito, avete mai visto Liu Guoliang indietreggiare e giocare di rimessa?) In Europa si stava a guardare sperando che quella palla ci potesse davvero favorire e quindi abbiamo perso ulteriore tempo.

Abbiamo annaspato e stiamo ancora annaspando come meglio possiamo contro lo strapotere cinese aggrappandoci il più delle volte al gioco di abilità piuttosto che andare al confronto diretto, all’abilità del gioco. È ora di cambiare registro.
Il vero precursore del gioco moderno, almeno quello che intendo io, è stato l’ungherese Tibor Klampar, considerato negli anni 70/80 un autentico talento. Mi verrebbe di dire che il suo gioco era molto femminile nel senso che oggi quasi tutte le donne giocano con quel sistema, ossia vicino al tavolo senza indietreggiare mai, puntando sull’azione rapida, il piazzamento della palla e sulla variazione di rotazioni, tutte le altre, giocano in difesa tagliata. In questo settore l’eccezionalità del gioco abile sui livelli internazionali è stata rappresentata solo dall’ungherese Toth, molto spesso, contro lo velocità asiatica, volentieri si rifugiava nella difesa alta. Io ammiro moltissimo il gioco femminile, mi dà l’impressione che sia una sorta di complemento a quello maschile a cui gli uomini fanno fatica ad adottare, anzi non ci pensano nemmeno di farlo. Ve lo immaginate giocare come le femmine ossia veloce ma allo stesso tempo esprimere potenza dei colpi. Certo occorre fare alcuni aggiustamenti sul lavoro di gambe, cambiare l’idea dei passi: non più passo incrociato per muoversi da una parte all’altra ma salto laterale mantenendo l’apertura delle gambe così da non perdere l’equilibrio. Occorre migliorare la velocità di esecuzione dei colpi e la lunghezza dei colpi, l’esplosività del corpo, la flessibilità della spalla, la velocità mentale etc.

Non ho mai assistito a un campionato nazionale cinese e vorrei tanto farlo, anzi colgo l’occasione (lo avevo già fatto in passato) per esortare i tecnici europei o qualunque tecnico ad assistere i campionati cinesi, non c’è nulla di male, non ci sono controindicazioni né effetti collaterali negativi, farebbe solo bene. Dicevo, sono convinto che le partite tra cinesi siano tutto fuorché ripararsi in una sorta di difesa di gioco. Ci si affronta a testa alta. Si fa il servizio, si risponde a un servizio, si esegue un topspin o un’apertura sul tavolo, si blocca e via continuando in un crescendo esasperatamente tattico
. Per capire meglio questo concetto devo portare un semplice esempio che a voi risulterà molto familiare, quasi quotidiano. Quando giochiamo in società, ci alleniamo per conto nostro o siamo addirittura in uno stage collettivo, ci si ritrova sempre nella stessa situazione: una parte attacca, l’altra si difende come può barricandosi spesso nel gioco da lontano, ossia indietreggiando il più velocemente possibile, e in molti casi continuando con una difesa  (fishing) anche alta (lobbing). Mi capita di girovagare qua e là per la “rete” e devo dire che ci sono molti giovani giocatori davvero veloci a prendere la posizione lontano dal tavolo, un mirabile sprint all’indietro, quasi fosse una rinuncia al gioco. Quante volte abbiamo visto questa scena? Moltissime. Questo modo di agire altro non fa che stimolare il gioco abile, quello furbo, un tipo di abilità che ci rende deboli, passivi, vulnerabili tecnicamente e mentalmente. Giorno dopo giorno il giocatore tende a creare e sviluppare situazioni di gioco difensive dove poter ribaltare la qualità dello scambio sperando appunto di risolvere il problema con un colpo di recupero, una difesa, un controtop disperato, a volte un taglio da lontano e così via. Detto così sembra normale, chi è che non lo fa al giorno d’oggi. Il problema è proprio questo, occorre tornare a giocare, a sostenere lo scambio veloce, a vincere il punto perché si è più capaci e non dichiarare bandiera bianca andando a giocare in difesa ributtando la palla alla meno peggio nella speranza di chissà che cosa. Ripeto, questo modo di fare crea dipendenza e debolezza mentale. Molte volte vinciamo il punto ma a scapito di un sistema che non è vincente dandoci l’illusione di poter competere, illusione che poi si infrange fatalmente quando si ha a che fare con un gioco, robusto, concreto, fatto di velocità e potenza, aggressività e determinazione, cose che i cinesi fanno in modo perfetto. Attenzione, non voglio dire che non dobbiamo difendere, dico solo che la difesa non deve prendere il sopravvento sul gioco aperto, di confronto. 
Noi europei siamo scaltri, conosciamo la tattica e conosciamo la tecnica, abbiamo fantasia e inventiva, non abbiamo bisogno di queste cose, ce le abbiamo già. Con il passare del tempo le abbiamo addirittura affinate, ma abbiamo perso il senso del gioco e la sua dignità, la sua fluidità, l’armonia e la bellezza. 
Non mi piace fare esempi di altri sport, ma guardiamo il tennis, “nostro cugino”, proprio in questi giorni Wimbledon ci può ispirare. Non prendo in considerazione la spettacolarità, prendo in esame lo scambio, il gioco in sé per sé. Giochi, scambi, ribatti la palla, se non sei all’altezza, niente da fare, la palla non la raggiungi e perdi. Nel pingpong non avviene la stessa cosa, se non siamo all’altezza ci rifugiamo nel gioco da lontano, andiamo in recupero, speriamo che l’avversario non ci dia il colpo di grazia così possiamo rientrare nel gioco e magari invertire la rotta. Parafrasando il tennis, ho come l’impressione che i cinesi siano fenomenali tanto nell’erba quanto nella terra rossa e tutti gli altri se la giocano solo nella terra rossa. E che dire della scherma, uno sport spesso paragonato al nostro per via dell’idea di duello. Nella scherma si vince combattendo non indietreggiando. Ma che duello è se uno tende a scappare?

Noi, inteso come resto del mondo abbiamo due modi di fare (Dott. Jekill & Mr. Hyde), uno negli schemi di allenamento e uno nelle situazioni di gioco libero. Negli schemi di allenamento siamo eccellenti, pochi errori, la continuità dei colpi, la regolarità nello scambio, esecuzione dei colpi di notevole qualità, siamo persistenti, duraturi, mentalmente ben predisposti. Quando ci troviamo in situazioni di gioco libero allora cambiamo il nostro modo di giocare, quasi a nascondere le nostre capacità, diventiamo irriconoscibili, ecco che non siamo più continui, il nostro gioco diventa confuso, i colpi sono meno efficaci, abbiamo mille dubbi e mentalmente diventiamo difensivi. Tutto questo quando siamo in allenamento, ora, figuriamoci in una competizione vera e propria.

Ai giocatori europei serve la coerenza di gioco, la continuità dell’azione veloce, la reattività delle gambe e la capacità di ripetere le stesse azioni in modo uguale, naturale, continuo, costante senza interruzioni di sorta, quasi non pensando alla partita ma giocando la partita. Ogni volta che ci si discosta da questo sistema significa debolezza. Una piccola crepa che a lungo andare destabilizza l’intera struttura fino a farla cedere del tutto. 
Per arrivare a uno stadio di vera competitività dobbiamo rafforzare la mentalità di un gioco costante, dobbiamo essere capaci di sostenere lo scambio, diventare più potenti, adottare tattica e strategia in modo disciplinato, maniacale aggiungerei. Per fare ciò le idee non bastano, serve il lavoro, la costanza del lavoro, la disciplina del lavoro. Serve una consapevolezza che ti fa essere pronto a fare un passo indietro per farne due avanti. Serve determinazione e forza di volontà. Serve preparazione fisica e mentale. Dobbiamo rinunciare al gioco abile per lasciare spazio alla coerenza di gioco, all’abilità con la A maiuscola, quella che sovrintende tutto, il capo. Dobbiamo partire con le nuove generazioni e educarle alla coerenza di gioco, alla continuità dello scambio da vicino, ad aprire il gioco prima che lo faccia l’altro con un flic o una palla di rotazione, a non aver paura di difendere bloccando sul tavolo o contrattaccare con un controtop, a piazzare la palla, a non subire quando ci si deve confrontare.

Sono convinto che la Cina non è imbattibile, forse sono in controtendenza anche perché pare che ci sia molta rassegnazione. Ho fiducia nella forza di volontà degli europei e del resto del mondo. Ho visto gli allenamenti cinesi come quelli europei, i cinesi sono continui, costanti, non cedono, noi si. Anche in Cina succede una cosa simile, tutti quelli che cedono al gioco abile fatalmente soccombono. E allora, noi, che cosa abbiamo che non possiamo fare?
Forza resto del mondo!!!

L’esclusione di Stefanova

19 Marzo 2014 da Ping Pong Italia · 6 Commenti 

del Drago Rosso

L’esclusione di Nikoleta Stefanova dalla squadra azzurra sta provocando qualche sorpresa inaspettata. Dopo il mio precedente commento, in cui fra l’altro riportavo cosa aveva scritto la Fitet su facebook, è successa una cosa strana: l’intervento della Fitet su facebook è sparito, non si trova più. Forse qualcuno si è reso conto di aver pestato una cacca gigantesca? Per sicurezza, ma soprattutto per dimostrare che non mi ero inventato alcunché, allego la foto presa da facebook nella quale compare, perfettamente leggibile, quel commento della Fitet in cui la Stefanova non viene mai nominata e nel quale c’è una fenomenale arrampicata sugli specchi per dire che Niko non è stata cacciata dalla Nazionale. Naturalmente, ho provveduto a cancellare fotina e nome della persona alla quale la Fitet risponde.
Come si vede, ho detto la verità. Ma, ripeto, la cosa più importante è che qualcuno abbia pensato di cancellare quell’intervento, come se ci fosse qualcosa di cui vergognarsi. E in effetti qualcosa di cui vergognarsi c’è, eccome. Così, possiamo avere un’idea più chiara del clima che si respira in questo momento all’interno della Fitet e della Nazionale. Forse pensavano che la cacciata di Niko sarebbe passata sotto silenzio, ma una volta che la Gazzetta dello Sport l’ha resa pubblica ecco che cominciano le marce indietro, fermo restando che Niko resta esclusa dai Mondiali, dove l’Italia porta solo tre giocatrici (per la squadra maschile, invece, ne porta quattro) con l’ovvio ed evidente rischio di restare con una squadra dimezzata in caso di malaugurata indisponibilità di una delle tre, indisponibilità che in passato pure si è verificata, come è normale che sia in una competizione lunga e dura come i Mondiali. Ma l’importante era tagliare le gambe alla Stefanova, mica di tentare la salita in Prima divisione. Anzi, così bisogna pensare a evitare la retrocessione in Terza divisione.
Ma non è finita, perché è spuntata un’altra cosa interessante, per la quale dobbiamo ringraziare ancora una volta il consigliere federale Bruno Di Folco. In un suo intervento sul forum di Giorno, Di Folco, in risposta a chi faceva riferimento all’esclusione di Niko, risponde testualmente così: “caro …, se ti riferisci alla Stefanova (…aspetto le convocazioni per i Mondiali che ancora non mi sono arrivate) dovresti chiedere info al Direttore Tecnico Deniso o al Tecnico del settore femminile Gigliotti. Io non sono mai entrato nel merito delle convocazioni come dovrebbe fare un buon Dirigente (dal Presidente federale all’ultimo dei Consiglieri provinciali). I responsabili tecnici hanno contratti di solito di un anno (ad eccezione di Deniso) e vengono periodicamente a relazionare in Consiglio Federale dell’attività tecnica a loro affidata. LA CONFERMA DEI LORO CONTRATTI E’ LEGATA AI RISULTATI CHE OTTERRANNO GLI ATLETI DELLE NAZIONALI E LE SQUADRE A LORO AFFIDATE. Sicuramente se ci saranno esclusioni clamorose avranno il buon senso di motivarle a noi Dirigenti, che le ascolteremo con attenzione, comportandoci di conseguenza per il futuro. Personalmente posso anticiparti che ho piena fiducia negli attuali Direttori Tecnici Deniso e Quarantelli. Vedremo”.
L’intervento di Di Folco è ILLUMINANTE, perché fa capire tantissime cose.
La prima: i consiglieri federali, in base a quanto sostiene Di Folco, non hanno ancora ricevuto le convocazioni!!! Ma poverini! Non vi fanno tenerezza? Da almeno un paio di settimane sul sito dell’Ittf c’è la lista ufficiale degli iscritti, squadra per squadra, ai Mondiali di Tokyo, ma i consiglieri federali italiani stanno ancora aspettando una comunicazione. Io preferisco non avere contatti con loro, ma qualcuno di buon cuore può inviare loro il link dell’Ittf con l’elenco degli iscritti? Così Di Folco, anche se stenterà a credere ai suoi occhi, vedrà che il c.t. Gigliotti ha convocato Vivarelli, Ridolfi e Colantoni. E basta. O forse Di Folco crede che sia ancora possibile aggiungere qualche nome alla lista, visto che se ne possono iscrivere cinque? L’unico fatto vero è che sul sito della Fitet non si è visto alcun comunicato sugli atleti che andranno ai Mondiali. Forse si illudono che basti stare zitti per cancellare la realtà. O fanno i furbetti: le convocazioni non ci sono ancora perché saranno fatte qualche settimana prima dei Mondiali, ma questo non toglie che le iscrizioni siano state già fatte. Il gioco delle tre carte funziona con chi è disposto a farsi prendere per fesso. Lo so che ce ne sono tantissimi nel tennistavolo italiano, ma la Fitet non può mica pensare che TUTTI siano così.
Proseguiamo con la seconda cosa: “se ti riferisci alla Stefanova” è oltre la fantascienza. Fino all’ultimo c’è il tentativo di negare la realtà. Mettiamo pure che Di Folco non sia a conoscenza delle convocazioni (che non ci sono) o delle iscrizioni (che ci sono), ma davvero pensa di poter stare a giocare con le parole? C’è una sola giocatrice la cui esclusione può provocare queste polemiche, ed è la Stefanova. Ma sappiamo che questo nome (come dimostrato da quell’intervento su facebook poi cancellato) è diventato come quello di Voldemort nella saga di Harry Potter: NON SI DEVE NOMINARE MAI!
Terza cosa: dice Di Folco che consiglieri e Presidente non dovrebbero entrare nel merito delle convocazioni. Infatti!!! Sappiamo come questo principio sia stato sempre rispettato. E scusate se dobbiamo tenerci la pancia per le troppe risate a sentire queste profonde verità.
Quarta cosa: la conferma dei contratti dei tecnici è legata ai risultati? Ma davvero? E allora perché Costantini ed Errigo furono cacciati? Perché vincevano troppo? E i tecnici che sono rimasti in panchina dopo le retrocessioni perché non sono stati cacciati? Perché i responsabili della Fitet HANNO OSATO contrapporsi al principio enunciato da Di Folco? Possiamo immaginare che adesso Di Folco andrà in Consiglio e li cazzierà tutti, a cominciare dal presidente Sciannimanico.
Quinta cosa: Di Folco dice che lui e gli altri consiglieri ascolteranno le motivazioni sulle eventuali esclusioni e si comporteranno di conseguenza per il futuro. Le motivazioni? Esclusa la numero 1 della squadra azzurra, la numero 1 della classifica nazionale, la vincitrice (facile) dell’ultimo torneo nazionale, e qui stiamo aspettando le motivazioni? Saranno davvero interessanti queste motivazioni! Qualche idea in proposito comincio ad averla: magari diranno che non è in forma. E già, due mesi prima dei Mondiali. In questo caso, cosa si perdeva a iscriverla ugualmente e poi eventualmente a non convocarla? E come si fa a dire che non è in forma se batte tutte le altre? La verità è che la decisione era un’altra, l’esclusione totale dalla Nazionale, che però è pesante da sostenere, tant’è che all’interno dello staff tecnico potrebbe cominciare lo scaricabarile con bersaglio finale il più debole di tutti: Gigliotti.
Finale inglorioso. In definitiva, Di Folco si astenga dal dire che aspetta le convocazioni per esprimere la sua opinione. L’unica cosa che può aspettare è l’autorizzazione di Sciannimanico a parlare, ma quella non arriverà mai. Se ne faccia una ragione, i consiglieri federali devono stare muuuuuuuuti e zitti, muuuuuuti, muuuuuuti.

Dalla Gazzetta dello Sport

12 Marzo 2014 da Ping Pong Italia · 3 Commenti 

STEFANOVA CACCIATA

Clamorosa esclusione dall’Italia femminile per i Mondiali a squadre di Tokyo (28 aprile-5 maggio). Nikoleta Stefanova, n.1 della classifica azzurra, è stata cacciata dalla Nazionale. Il c.t. Gigliotti ha convocato Vivarelli, Ridolfi e Colantoni. Stefanova non commenta, ma sul suo profilo facebook ha postato le foto delle 3 convocate e ha scritto: “Queste sono le tre convocate, questa è la classifica italiana”. Lei è la n.1, Vivarelli n.3, Colantoni n.7, Ridolfi n.9. Strana coincidenza, Stefanova viene cacciata dopo aver lasciato Castel Goffredo, squadra che fa riferimento al presidente federale Sciannimanico, ed essere passata alla Sandonatese.

Dubai, finali del World Tour ex Pro Tour

17 Gennaio 2014 da Ping Pong Italia · 1 Commento 

Articolo e foto del Drago Rosso

La stagione 2013 si è finalmente conclusa, sia pure sforando a gennaio, con le Finali del World Tour, una volta Pro Tour. Insomma, come preferisco io, con il Master, svoltosi a Dubai. Non è la prima volta, comunque, che l’ultimo atto viene spostato a gennaio, da quando, nel 1996, furono istituite queste Finali: la stagione 1998 si chiuse a gennaio 1999 a Parigi, quella del 1999 a gennaio 2000 a Sydney, quella del 2000 a gennaio 2001 a Yokohama, quella del 2001 a gennaio 2002 a Tianjin, questione di problemi organizzativi e di date più o meno adatte a seconda dei Paesi in cui si gioca. Dopo molti anni di svolgimenti “regolari” a dicembre, si è tornati a gennaio, con Dubai che preferiva questa data da abbinare ad altri avvenimenti in programma a gennaio negli Emirati Arabi. In generale, lo spettacolo non è stato granché, se si eccettuano alcune partite del singolo maschile, ma questo deriva anche da molte incongruenze dei calendari, dei sistemi di qualificazione, dei programmi dei giocatori e delle Nazionali, delle scelte dell’Ittf.

IN DISCESA

La prima impressione negativa di queste Finali la dà il pubblico, scarsissimo, nonostante non si paghi per l’ingresso. Dubai non mostra alcuna passione per il tennistavolo, nei primi tre giorni di gara non si arriva in media a un centinaio di spettatori, tenendo conto che in questo centinaio sono compresi atleti, allenatori,accompagnatori e dirigenti dell’Ittf. Insomma, uno squallore totale. Solo per la finale maschile, l’ultimo pomeriggio, c’è il “pienone”, con circa 400 spettatori, naturalmente sempre includendo i componenti della “famiglia del ping pong”. Della famosa serie “nun me ne po’ fregà de meno”. E’ l’ulteriore e inevitabile segnale della crisi che, da tanto tempo, io vado segnalando in termini di popolarità del nostro sport. L’Ittf vanta numeri da capogiro, ma solo per quanto riguarda la Tv, e sono dovuti esclusivamente ai collegamenti dalla Cina, dove peraltro nei palazzetti gli spettatori si sono ridotti allo stesso numero di quelli visti a Dubai. Il problema si aggrava anche a causa della partecipazione, sempre meno qualificata, a queste Finali, che rimangono comunque di livello superiore a Olimpiadi e Coppa del Mondo come livello medio dei partecipanti, ma che diventano via via meno interessanti per la mancata qualificazione, involontaria o voluta, di tanti forti giocatori. A proposito di quella “involontaria”, faccio notare che gente come Boll, Samsonov, Mizutani, Matsudaira e qualche altro di livello medio-alto non riescono a qualificarsi perché non hanno il numero minimo di partecipazioni ai tornei, per scelte programmatiche o per infortuni (Boll sconta sempre più i danni provocati dalla cattiva impostazione tecnica, che gli procura infortuni, prevedibilissimi, alla schiena). A proposito di quella “voluta”, ricordo che nel 2012 i tecnici cinesi esclusero appositamente Zhang Jike e Ma Long perché volevano “regalare” un’occasione per far soldi a Ma Lin e Wang Hao, che però furono fermati da Xu Xin, comunque superiore a loro ma già qualificato e la cui partecipazione non poteva più essere annullata. Per non parlare poi dell’edizione 2010, in cui non ci fu nemmeno un cinese, assenza di protesta della Cina contro le decisioni dell’Ittf che proprio quell’anno aveva abbassato da 3 a 2 il numero dei giocatori ammessi a giocare il singolo alle Olimpiadi. In contrapposizione a questo abbassamento di qualità, ecco però che l’Ittf scopre, con almeno 10 anni di ritardo, quello che io avevo sempre messo in evidenza: le Finali del World tour sono il quarto torneo del vero Grande Slam del tennistavolo. Gli ignoranti e gli incompetenti avevano sostenuto che il Grande Slam fosse composto dalla vittoria in 3 tornei di singolo: Olimpiade, Mondiale, Coppa del Mondo. Lo attribuivano perciò a Waldner e Liu Guoliang, oltre che a Kong Linghui. Avevo fatto notare che, per qualità dei partecipanti e conseguente tasso medio tecnico, le Finali dell’allora Pro Tour e oggi World Tour fossero, e lo sono tuttora come ho già detto, superiori a Olimpiade e Coppa del Mondo. Quindi, il vero Grande Slam è composto da 4 gare, non da 3. Adesso, se n’è accorto anche Ian Marshall, responsabile del settore stampa dell’Ittf, che ha scritto un articolo sull’obbiettivo perseguito da Zhang Jike di uguagliare Kong Linghui, unico giocatore ad aver vinto tutti e 4 i maggiori tornei e quindi unico ad aver conseguito il Grande Slam. Zhang Jike non ce l’ha fatta, magari vincerà questa gara prima o poi, ma resta il fatto che Kong Linghui rimane ancora l’unico ad aver compiuto questa impresa.

PARTECIPAZIONE RIDICOLA

In ogni caso, il livello tecnico si abbassa e diventa addirittura ridicolo nei doppi, anche perché la Cina, in questo caso, ha deciso di regalare qualche titolo alle nazioni disastrate, praticamente tutte. Già ai Mondiali ha cominciato a non far partecipare i migliori nelle gare di doppio maschile e misto, in quella di doppio femminile dare la vittoria ad altri sarebbe davvero una barzelletta, vista la disparità di valori. A Dubai fra gli 8 doppi maschili qualificati non ce n’è nemmeno uno cinese, tranne quello di Singapore (ex cinesi sia Gao Ning che Li Hu), che infatti vince. In quello femminile, c’è solo un doppio cinese, Li Xiaoxia-Ding Ning, che vince facilmente, ma, in generale, certe presenze, sia in doppio che in singolo (come le russe Dolgikh e Bykova, il giapponese Takakiwa, il “canadese” Wang, il francese Salifou, il brasiliano Matsumoto), sono davvero imbarazzanti.

SINGOLO MASCHILE

Premesso che non parlo dei doppi, gare assolutamente squallide, passo ai singoli, cominciando dal maschile. E qui c’è da fare subito un appunto a un’altra regola “a cazzo” voluta dall’Ittf: le teste di serie del tabellone sono decise in base al punteggio con cui i giocatori si sono qualificati, ignorando la classifica mondiale. Perciò, se un giocatore non eccelso ha partecipato a tutte le gare, arrivando negli ottavi e un paio di volte nei quarti, si ritrova in posizione più alta di uno forte che ha giocato solo il numero minimo di 5 tornei necessari per qualificarsi (naturalmente, con i punti indispensabili per risultare fra i primi 15 della classifica totale). Così, a Dubai si assiste a un quarto di finale assurdo, fra Zhang Jike, campione olimpico e mondiale in carica, e Ma Long, numero 1 della classifica mondiale. Quello che dovrebbe essere un match da finale con i due più forti giocatori del mondo, con tutto ciò che comporta in termini di “grande sfida”, di richiamo per spettatori e Tv, di spettacolo, di visibilità per lo stesso sponsor, diventa un avvenimento sperduto in un giorno qualsiasi, addirittura giocato alle ore 13, davanti a pochissimi spettatori, considerato anche che a quell’ora si sta pranzando. Aggiungiamoci che nel tabellone si crea il “solito buco” senza cinesi dove si infila Ovtcharov, ma guarda un po’ il caso, e si capisce che il tennistavolo è affidato a persone incompetenti o in malafede, con gli ovvi danni che questo comporta. Comunque, tornando alle gare, la prima considerazione da fare riguarda Ovtcharov. Nonostante il grande favore che gli viene fatto, con uno scandaloso tabellone, il tedesco dimostra ancora una volta tutti i suoi limiti. Contro il sudcoreano Kim Minseok, n.29 della classifica mondiale, Ovtcharov soffre sin dall’inizio, preso in velocità, tanto da andare sotto 3-1. Si riprende a fatica, anche perché Kim mostra anche lui molti limiti, ma cede nell’ultimo set, confermando che la sua posizione di n.6 nel mondo è solo il frutto di una partecipazione ai tornei superiore a quella degli altri, tanto da guadagnare punti che lo portano in alto, ma la sua vera qualità tecnica è molto più in basso. E questo è il campione d’Europa, il “giovane” di ben 26 anni che dovrebbe contrastare i cinesi? Per favore, non facciamo ridere. Basta guardare lui per capire quale sia la disastrosa situazione del tennistavolo europeo, ormai senza più speranza di risalire dall’abisso in cui è precipitato per colpa della supponenza dei tecnici europei, che si credono più bravi di quelli cinesi e asiatici e che invece dimostrano solo di essere autentici cani, senza offesa per i cani. E, giusto per concludere il discorso su Ovtcharov, se a qualcuno venisse il dubbio che ha perso contro un sottovalutato avversario, faccio notare che Kim Minseok, una volta arrivato in semifinale, viene letteralmente frantumato da Ma Long, senza riuscire a reggere nemmeno uno scambio. Così abbiamo un’idea della reale situazione tecnica.

QUESTIONE CINESE

Il torneo, quindi, è una questione tutta cinese. Con appena una nota per il giapponese Shiono, difensore non più giovane e rivelazione dell’anno, ma secondo me molto sopravvalutato. La sua forza sta soprattutto nella resistenza, se riesce a sfiancare l’avversario ha una speranza di vincere, ma la sua qualità tecnica è davvero limitata. Assomiglia molto a un difensore classico, visto che nel suo gioco manca quasi del tutto la parte relativa all’attacco. Sta per uscire al primo turno, contro un non eccelso Gao Ning, per giunta ripescato dopo la rinuncia del cinese Yan An, infortunato. Gao Ning conduce facilmente 3-0, Shiono è sempre in difesa e non riesce a spezzare l’azione dell’avversario proprio perché è limitato nella sua azione d’attacco, Gao Ning ha anche un match-ball, ma lo fallisce malamenteper poi crollare fisicamente. Stessa cosa nei quarti contro Kim Minseok, che va avanti 3-0, poi ha un calo fisico, ma si riprende nell’ultimo set e vince. La realtà tecnica di Shiono è di 0-4 contro tutti e due, poi può anche vincere perché è più forte fisicamente, ma se parliamo di grande tennistavolo e di grandi difensori, beh, Shiono non ne fa parte. Tornando ai cinesi, poche parole per Wang Hao, che appare sempre più lento e pesante, comunque in grado di battere facilmente Niwa, ma senza possibilità contro Fan Zhendong. Quest’ultimo, salito al n.5 della classifica mondiale, appare però non al massimo e mostra ancora una volta difficoltà insospettate contro chi non gli permette di aprire il gioco. Nel primo turno, perde addirittura due set contro il canadese Eugene Wang, un avversario che non dovrebbe vedere palla contro di lui, ma abile ad anticipare gli attacchi e ad accorciare i colpi, prima di cedere comunque alla superiorità di Fan Zhendong. Che, invece, non ha scampo contro Xu Xin, di altro livello rispetto al canadese nell’impedirgli di dare il via all’azione d’attacco e di partire lui per primo. Comunque, Fan Zhendong è potenzialmente molto più forte di Xu Xin, ma la sua immaturità tattica per il momento lo espone a più di un rischio in questi confronti, per cui la sconfitta non può nemmeno essere considerata una sorpresa. Non è una sorpresa nemmeno la sconfitta di Zhang Jike con Ma Long, visto che i due si equivalgono come potenzialità e tutto dipende dallo stato di forma. Quello di Ma Long appare migliore rispetto a Zhang Jike, ma la partita che ne viene fuori non è degna del loro valore (osservate questa schiacciata di ZJK ndr)

. E’ molto nervosa, con scambi brevi, anche se tecnicamente di alto livello. Nel settimo set, invece, si vede quale grado di gioco e di spettacolo i due possano offrire, con azioni potenti e veloci, e qui viene fuori la superiorità attuale di Ma Long. Quest’ultimo, però, contro Xu Xin in finale, si addormenta e quasi rinuncia a giocare. Certo, è vero che Xu Xin gioca i primi set molto bene e controbatte anche i colpi più potenti, ma in certi momenti si vede Ma Long che si mostra apatico, rimane fermo e nemmeno tenta l’attacco. A scanso di equivoci, non è una partita “aggiustata” su ordini superiori, questo lo so per certo, la vittoria di Xu Xin è pulita e meritata, ma l’atteggiamento di Ma Long è quello di chi, convinto di poter risolvere facilmente la questione, si demoralizza quando vede che deve soffrire. Resta il fatto che, quando il livello si alza e si vedono scambi spettacolari, (eccone un’esempio in questa bella sequenza fotografica ndr)
nell’80 per cento delle volte è Ma Long a condurre il gioco e a chiudere il punto, a riprova di una superiorità indiscussa dal punto di vista tecnico. Ma è anche vero che, come in passato ha dimostrato soprattutto ai Mondiali nelle tre semifinali consecutive perse con Wang Hao, ha più di un problema psicologico quando non riesce a imporre subito il proprio gioco.

SINGOLO FEMMINILE

Fra le donne, la mezza sorpresa è il cattivo stato di forma di Li Xiaoxia, che cede in semifinale a Ding Ning, ma poi è tutto scontato, a cominciare dalla vittoria di Liu Shiwen, che ripete il successo dell’anno prima proprio contro Ding Ning. Il match in cui Liu Shiwen deve impegnarsi di più, però, è quello contro la difesa bielorussa Pavlovich, in semifinale, un 4-2 stentato, chiuso 12-10 al sesto set col rischio di andare sul 3-3. La Pavlovich è sempre più sorprendente, tant’è che avanza a suon di 4-0 prima di cedere a Liu Shiwen: prima con Chen I Ching, di Taipei, poi con l’altra cinese Zhao Yan, per la verità non di livello superiore, che al primo turno supera a stento l’interessante difesa sudcoreana Seo Hyo Won. In generale, il torneo femminile offre scarsi spunti di rilievo.

ARBITRI

Molto più interessanti gli aspetti legati agli arbitri. Intanto, in occasione dell’incontro fra Li Xiaoxia e Ding Ning, qualcuno si è messo a sghignazzare chiedendo perché non ci fosse Paola Bongelli ad arbitrare. Detto che dopo la turbolenta finale femminile olimpica a Londra la Bongelli è quasi sparita dalle massime competizioni internazionali, non più convocata, la notizia è che fra poco non dovrebbe più risultare di nazionalità italiana, ma austriaca, visto che è da molto tempo che arbitra in Austria, con sole un paio di apparizioni nei campionati italiani. A Dubai, comunque, fanno bella figura due arbitri italiani, Mario Re Fraschini e Andrea Abascia, designati per alcuni incontri importanti (fra cui Ma Long-Zhang Jike e Fan Zhendong-Wang Hao) e col primo assistente arbitro nella finale maschile e il secondo assistente nella finale del doppio femminile. Re Fraschini rimane poi coinvolto, incolpevolmente, nel pasticcio creato da un arbitro tedesco nella finale maschile. Sul 10-3 per Xu Xin nell’ultimo set, i due cinesi fanno un po’ di show con schiacciate alte fino al punto da scambiarsi il campo e a colpire la palla facendo battere nella propria parte, che è poi quella dell’avversario. Ma Long, però, invece di completare il giro e tornare al proprio posto, decide di cambiare lo schema e schiaccia nella propria metà campo, che è quella di Xu Xin, chiudendo il punto. Ovviamente, il punto è di Ma Long, ma l’arbitro, tedesco in tutto e per tutto, visto che Ma Long ha schiacciato la palla mentre era dal lato in cui doveva stare Xu Xin, alza il pugno per segnalare che il punto va assegnato a quel lato, quindi a Xu Xin, e dichiara finito l’incontro. Re Fraschini, che deve girare i punti, cerca invano di fargli capire che non è così, che il punto è di Ma Long e che la partita non è finita, ma il tedesco è irremovibile, fino a che Ma Long e Xu Xin, incuranti di lui, continuano a giocare per finire davvero la partita, fino a concluderla dopo un altro punto, fra le risate degli spettatori per l’arbitro tedesco. Che ci volete fare: un tedesco è sempre… un tedesco!

GALA

Concludo con i premi. Stavolta, col nuovo sponsor, Gac, cinese, che costruisce automobili, non ci sono state auto in premio, solo i soldi, 104.000 dollari al vincitore del singolo. Il montepremi totale, come l’anno precedente, è di un milione di dollari. Lo chiarisco soprattutto per l’estensore dei comunicati sul sito della Fitet. L’anno scorso, scrisse che a ogni vincitore era andato un milione di dollari. Anche in quel caso, il milione di dollari era il montepremi totale. Così stavolta non si creano illusioni per i vincitori! C’era però un riconoscimento in più, in una serata speciale organizzata dall’Ittf, con una cena di gala durante la quale sono stati eletti i migliori atleti del 2013, secondo una giuria e secondo i tifosi: Zhang Jike primo in entrambi i casi fra gli uomini; fra le donne, Li Xiaoxia prima secondo la giuria, Liu Shiwen secondo i tifosi. Ma Long si è consolato con un’auto Gac, premio al numero 1 della classifica mondiale. Il bello della serata, però, non sono i premi, ma i vestiti con cui si sono presentati i giocatori. Alcuni di loro li potete vedere nel sito dell’Ittf. Nelle mie foto potete vedere gli altri, ma soprattutto Ma Long che non sa farsi il nodo della cravatta ed è costretto a farsi aiutare!

Ecco alcune altre foto, da notare le 4 istantanee di FZD

4-5 Gennaio 14 corso tecnico per il CR Toscana

29 Dicembre 2013 da Ping Pong Italia · 22 Commenti 

Innanzitutto 2 considerazioni: la prima, anche se mancano appena due giorni, spero che il 2013 sia stato un anno positivo per voi e per la vostra attività pongistica. La seconda, spero che il 2014 vi possa portare tante altre soddisfazioni personali e sportive.
Finisco questo 2013 e comincio il 2014 in famiglia, a Senigallia, poi lo continuerò il 4 e il 5 con un corso tecnico a Sesto Fiorentino organizzato dal Comitato Regionale Toscana. Sarà la seconda volta che andrò a Sesto e ci vado con piacere, la passata esperienza è stata bene apprezzata sia dagli organizzatori sia dai partecipanti.
Mi ritroverò quindi ancora a Sesto per un corso che avrà come filo conduttore i giovani. È un corso riservato agli allenatori toscani e spero che da questo corso tutti ne possiamo trarre beneficio per un miglior lavoro futuro.
Ecco il programma che comunque potete trovare sul sito del CR.
Sabato 4 Gennaio 2014:
9:30-12:30
Introduzione del corso
Principi generali dello sport
I bisogni dei bambini
I comandamenti dello sport di alto livello
Attività preparatorie al pingpong
Principi della tecnica di base
Il corpo come espressione del pingpong
Individuazione di 5 gruppi di lavoro e progetti da assegnare
Discussione libera
15:30-18:30
Lavoro pratico con i bambini
Come correggere i colpi
Inizio dell’analisi tecnica dei bambini

Domenica 5 Gennaio 2014
9:30-12:30
Continuazione dell’analisi tecnica dei bambini
Costruire un buon giocatore
Concetti di tecnica più evoluta
Lavoro pratico
Discussione libera
15:30-18:30
Continuazione del lavoro con i bambini sulla base dei progetti di gruppi
Come osservare il gioco
Conclusione dei lavori e consegna degli attestati di partecipazione.

Bene, non mi resta che salutarvi e darvi appuntamento al 2014

Ciao

La risposta a Simone Spinicchia

22 Novembre 2013 da Ping Pong Italia · 4 Commenti 

Caro Simone e cari voi, innanzitutto grazie del tuo contributo intervenendo qui sul blog, poi, mi scuso per la tardiva risposta ma sono stato davvero incasinato, l’America è l’America, ma quanto lavoro amico mio. All’inizio pensavo ad una semplice risposta, concisa, ma poi mi sono fatto prendere la mano e ne é venuto fuori un post a tutti gli effetti.

Allora, la domanda che avevi posto è molto pertinente e devo darti ragione. La riporto qui a beneficio dei lettori.

dal blog del “Ciao Massimo, sono d’accordo con te sulla disamina tecnica che hai fatto, soprattutto su come un gioco più lento e di qualità possa creare notevoli difficoltà ad un avversario che imposta il proprio gioco sul ritmo esasperato.
Il quesito a cui fatico a dare una risposta (tecnica) è questo: come faccio a dare qualità (es. top lento con rotazione) se quasi tutti ormai rispondono a tutto campo con un flip veloce laterale ?
E anche i servizi tendono a essere più forzati e spesso lunghi .
Anche i materiali a mio avviso rendono il gioco più facile, in quanto si riesce a dare meno rotazione e si ha più controllo.”

Lo so, con tutte le implicazioni che ci sono (materiali, velocità, servizi, strategia etc.), è difficile poter realizzare una soluzione tecnico/tattica quale quella che ho indicato. Però lasciami dire una cosa. Nel mio post ho parlato di una possibilità di creare scompiglio cercando di rallentare il ritmo giocando topspin carichi di effetto, questa idea va vista come una sorta di break al gioco esasperatamente veloce che, quando funziona, procura notevoli danni al sistema/gioco dell’avversario. Non penso che all’improvviso bisogna giocare tutto in modo lento, come si suole dire, occorre stare al gioco, avere diverse abilità, essere in grado di sostenere lo scambio veloce ma al tempo stesso non perdere di vista un secondo obiettivo che per me diventa primario, quello di rallentare il ritmo, ossia spezzarlo.
Partendo dal servizio, va da sé che serve obbligare l’avversario al palleggio, come si fa? E’ ovvio, l’avversario vuole aprire il gioco, bene il servizio dovrà necessariamente essere in backspin e soprattutto con una parabola bassissima, a fil di rete. Il piazzamento della palla deve variare da molto corto sul diritto a molto corto sul rovescio, è sbagliato servire al centro ed è sbagliato servire pensando a una palla che esce e non esce, occasionalmente preparare anche un servizio rapido e lungo, questo non guasta mai. Sono sufficienti due o tre occasioni in cui l’avversario perde la sicurezza della risposta ed ecco che egli si rifugia nel classico palleggio. Si potrà obiettare che se la palla che servo è troppo corta allora anche la risposta sarà di conseguenza, bene, in ogni caso un risultato lo abbiamo ottenuto, abbiamo forzato l’avversario a rispondere di palleggio. A quel punto potremmo anche avere coraggio e servire più lungo. Personalmente lo trovo un buon obiettivo raggiunto. In gioco non c’è solo la tecnica e la tattica, c’è anche tanta psicologia.
Seconda possibilità, l’avversario apre il gioco con un flick, potrebbe essere veloce, sì, ma dipende dalla parabola che la palla effettua dopo che abbiamo eseguito il servizio. Se il mio servizio è basso, credimi, non è così facile giocare il flick. Tuttavia, diciamo che l’avversario gioca il flick, l’errore comune che tutti fanno è di cercare di rispondere in velocità ad una palla che continuiamo a considerare improvvisa, inaspettata: è ora di cambiare registro, quella palla sarà il comune denominatore della risposta al servizio. E veniamo al punto tecnico, tutti voi sapete che la rotazione che si può esercitare sulla palla non ha limiti, certo se la palla che riceviamo è in backspin ci sarà più facile incrementare la rotazione, non dobbiamo fare altro che andare in senso della rotazione e il gioco è fatto. Succede la stessa cosa tra un’attaccante e un difensore, la palla ruota sempre alla stessa maniera, uno taglia, l’altro attacca, entrambi i giocatori colpiscono andando sempre nel verso della rotazione, per il difensore sarà ricevere topspin, per l’attaccante sarà ricevere il backspin. A questo riguardo il comune senso del gioco è quello di pensare di dare velocità alla palla colpendola quasi fosse uno scambio, di piatto, tipo schiacciata, flat come si direbbe in inglese, ecco perché molte volte la palla ritorna nel nostro campo in modo semplice, e pensiamo “eppure era veloce, ben piazzata, di qualità”, si ma di scarsa qualità in rotazione.
Per la natura sferica della palla la rotazione può avvenire in molti punti dipende dalla direzione del colpo, personalmente trovo che sia un bel vantaggio; ora, se ci troviamo di fronte ad un flick la prima cosa da fare è aspettare la palla, non va colpita troppo presto, bisogna che si avvicini a noi; secondo, il concetto di spin è direttamente proporzionale al tempo che la palla rimane “incollata” nella gomma, per questo motivo che molti giocatori non riescono a dare rotazione perché il colpo è troppo secco e violento. Quando dico che la palla deve rimanere sulla gomma più tempo non significa che il mio colpo sarà molle, è esattamente il contrario, sarà aggressivo perché devo credere nella capacità della gomma di trattenere la palla il più a lungo possibile e generare una violenta accelerazione. La cosa più esaltante è vedere che, a secondo dell’accelerazione, la palla si comporta in modo davvero incredibile con traiettorie veloci e al tempo stesso carica di effetto.
Quindi non ha importanza quale colpo riceviamo, è fondamentale che tipo di approccio abbiamo nei confronti della palla.
Qui negli States mi sono trovato a giocare con molti cinesi anche davvero bravi e ho fatto molti esperimenti, il risultato è sempre lo stesso, ogni volta che volevo rallentare il ritmo ci riuscivo benissimo, tanta tecnica ovviamente ma anche tanta psicologia. Aspettare la palla, un concetto basilare che nel corso del tempo ha perso il suo fascino e importanza.

Un ultimo accenno ai materiali che potrebbe essere pertinente al quesito di Simone. Ho letto che le cinesi H3 vengono utilizzate solo in Cina, in Europa no o almeno in minima parte, non so se ci sono motivi commerciali, sponsorizzazioni o imposizioni dall’alto, per me ci sono due motivi correlati, uno è tecnico l’altro è fisico.
Spero non si offendano, ma i cinesi notoriamente non fanno uso di potenti rotazioni, forse perché non ne sono capaci, in luogo, fanno uso della potenza rapida. Non credo che, in quello che affermo, ci sia tanto da scandalizzarsi, per anni hanno studiato noi europei facendoci allenare nelle loro palestre, negli anni ‘80 erano letteralmente terrorizzati dallo spin, avevano paura di bloccare, avevano paura che la palla si incuneasse verso l’alto. Quel tipo di gomma richiede una tecnica che solo loro hanno, ossia un impatto sulla palla tremendamente audace e violento che il più delle volte uccide lo spin avversario e genera alte velocità, traiettorie bassissime, parabole nulle. C’è una logica in tutto ciò, come dicevo prima, per avere maggior controllo la palla deve rimanere il più a lungo sulla gomma, ed ecco spiegato il trucco, posso colpire la palla talmente forte che non sento affatto una qualsivoglia rotazione dell’avversario, anzi, lo demolisco, da qui anche motivo del perché siano così appiccicose. Ma li avete visti giocare contro le difese, riducono i poveri malcapitati in poltiglie, la ragione è la stessa, la gomma ammazza lo spin. Noi non riusciremmo a giocare con quelle gomme perché siamo più morbidi nei colpi e soprattutto la biomeccanica è diversa, i cinesi estendono il braccio mantenendo tutta la potenza dell’articolazione della spalla, gli europei lo riducono come fosse due pezzi cercando di generare potenza chiudendo il braccio nel gomito. Ho chiesto ai miei collaboratori cinesi di giocare gli stessi colpi con gomme non cinesi, risultato: nei controtopspin palle il più delle volte a rete, nel blocco il più delle volte fuori.

Un’ultima cosa, se vi va di scrivere qualcosa, non esitate, tempo permettendo vi risponderò. A questo proposito devo chiedere scusa a Ittennico che il 4 di Agosto mi aveva posto una domanda sui talenti, non me ne sono dimenticato, arriverà.

La futura fine dei cinesi

14 Novembre 2013 da Ping Pong Italia · 3 Commenti 

Prendo spunto da due fatti che ultimamente hanno colpito il mio interesse. Il primo riguarda l’articolo del Drago Rosso sui Giochi Nazionali Cinesi quando parla di esasperazioni tecniche, il secondo è l’osservare una gran quantità di giovani cinesi che giocano qui negli Stati Uniti. Nel loro paese, questi cinesi, sono ritenuti non idonei a competere ad alto livello e quindi gli viene offerta un’opportunità di giocare e guadagnare meglio che in Cina. L’aspetto che vorrei sottolineare non è di natura economica e nemmeno sociale, ma riguarda la sfera tecnica.

Dopo aver riletto il passaggio del Drago Rosso mi sono preso la briga anche di guardare un po’ di video in rete ed è cresciuta in me la sensazione che questo modello di gioco porterà ad una futura perdita della leadership da parte della Cina. Con questo non voglio dire che all’improvviso la Cina non vincerà più, il processo sarà graduale, lento, forse 8-10 anni. Nel lungo termine mi immagino un gioco incollato al centro del tavolo con maggiori spostamenti in avanti e dietro e un impoverimento della forza delle gambe che porterà ad un depotenziamento dei colpi di diritto giocato dalla classica posizione del rovescio. Tutto ciò credo vada a vantaggio degli europei che hanno sempre dimostrato debolezze contro la potenza di gioco cinese ed un miglior controllo con il rovescio. Gli europei potranno così affrontare il gioco con più confidenza, lavorando più sulle rotazioni e sullo scambio rovescio-rovescio.

Continuo a vedere partite noiose con scambi sempre più brevi basati su errori di rovescio, a volte non si vede giocare un singolo colpo di diritto in un intero set, e quando si prova ad eseguire il passo-giro si è lenti, si sbaglia e cresce così la paura di tirare il diritto, dunque si continua a sperare nel rovescio con colpi anche di mezza volata o di topspin veloce sul tavolo. Certo il rovescio è diventato sempre più importante ed efficace e costringe a un dialogo rovescio/rovescio, situazione, ripeto, favorevole ai giocatori europei e sfavorevole ai cinesi che si dimenticheranno di spostarsi con il diritto dal lato del rovescio. Naturalmente i cinesi non staranno con le mani in mano, perfezioneranno il rovescio rendendolo sempre più efficace ma ciò non toglie che vanno ad omologarsi con il classico gioco europeo, quello da cui deriva l’impugnatura.

La tendenza è chiara e limpida, i cinesi tradizionalmente abili a rapidi spostamenti finiranno per perdere questa ultra decennale tradizione che proviene dal gioco a penna. Si spiega così anche l’uso esasperato del servizio reverso quello cioè giocato dalla posizione del rovescio con spin laterale interno piuttosto che il collaudato esterno. Questo modo di servire obbliga una risposta verso il centro del tavolo escludendo il lato estremo del rovescio creando una condizione ideale per attaccare con il diritto, oggi come oggi è l’unica chance per poterlo giocare.

Ci sono due elementi pertanto che a lungo termine potrebbero dare speranza agli europei e non solo a loro: il primo è di natura psicologica, essi dovranno avere la forza ed il coraggio di affrontare i cinesi a viso aperto, senza indietreggiare difendendosi e sperare nell’errore dell’avversario, ma sostenendo lo scambio da vicino al tavolo. Il secondo elemento riguarda l’impostazione del gioco, io credo che per avere più possibilità di vincere occorre riprendere il vecchio e caro topspin carico di rotazione rallentando la velocità del colpo creando maggiori rischi nel contrattacco da parte dei cinesi. Si sa che i cinesi hanno una paura atavica nel dover affrontare un block o un controtop in presenza di estreme rotazioni. Se si potranno verificare queste due condizioni allora qualche speranza per un bilanciamento dei livelli lo si può intravvedere.

A questo punto vorrei aprire una breve parentesi sull’utilità del topspin con rotazione e con conseguente rallentamento della velocità. Tutti noi siamo cresciuti imparando il pingpong come gioco fluido, costante nel suo divenire, quindi il nostro background è di natura veloce, rispondiamo meglio se la palla è veloce, se lo scambio è rapido, ma quando ci troviamo di fronte alle variazioni di ritmo, specialmente dal veloce al rallentato ecco che i meccanismi vanno in tilt. Con il passare degli anni questa soluzione tattica può assumere sempre più importanza, continuiamo a pensare di vincere il punto con la potenza e ci dimentichiamo che anche la rotazione porta punti e, oserei dire, punti pesanti, inoltre la buona riuscita di un colpo di rotazione fa crescere la preoccupazione all’avversario e gli fa perdere la fiducia nel block.

I Giochi Nazionali Cinesi 2013

24 Settembre 2013 da Ping Pong Italia · 20 Commenti 

foto e post del Drago Rosso
I Giochi Nazionali cinesi hanno fornito ancora una volta lo spettacolo di più alto livello tecnico che ci sia nel mondo, ben superiore ai Mondiali e alle ridicole Olimpiadi e Coppe del Mondo, gare quest’ultime due in cui la folle regola di riservare solo due posti per nazione ha causato l’impoverimento drastico del significato sia tecnico che spettacolare. Ai Giochi Nazionali, invece, c’è la più alta concentrazione di più forti giocatori del mondo, il che rende questa gara la più dura che ci sia adesso e, probabilmente, che ci sia mai stata nell’intera storia del tennistavolo. L’importanza è acuita poi dal fatto che questi Giochi, una vera Olimpiade nazionale, in tutti gli sport siano considerati alla stregua delle Olimpiadi vere per i cinesi, tant’è che in alcune discipline accade che la Cina rinunci addirittura a partecipare ai Mondiali se le date sono troppo vicine ai Giochi Nazionali. E’ accaduto in passato per la scherma, è accaduto quest’anno per il nuoto sincronizzato. Ai Mondiali a Barcellona, nel nuoto sincronizzato la Cina ha presentato solo concorrenti nel singolo e nel duo, rinunciando alla gara a squadre, perché le atlete erano impegnate ciascuna con la rappresentativa della sua Provincia, ad allenarsi per i Giochi Nazionali. E stiamo parlando di una gara in cui la Cina, sia ai Mondiali che alle Olimpiadi, vince l’argento dietro la Russia, non una gara in cui non ha possibilità di medaglie. Inoltre, la partecipazione è riservata non ai club, ma alle Province, il che fa aumentare a dismisura la tensione, provocando anche incidenti sui vari campi di gara, polemiche e scandali. Insomma, è una vera e propria battaglia, in cui vincere equivale a mettersi in tasca non solo una medaglia, ma tanti soldi (premi dai Governi delle Province e dagli sponsor) e diventare eroi sportivi.

PIU’ DIFFICILE DEI MONDIALI

E in una gara il cui livello medio è superiore a quello di qualsiasi altra, finalmente Ma Long tira fuori le palle e dimostra di essere il più forte (insieme a Zhang Jike, che però in questi Giochi si mostra scoglionato al massimo grado), con una serie di prestazioni incredibili, soprattutto in semifinale contro Wang Hao e in finale contro uno scatenato Fan Zhendong. E’ la sua personale rivincita su Wang Hao, col quale ha perso tre semifinali mondiali consecutive e, nel 2009, proprio la finale dei precedenti Giochi Nazionali, ed è anche la riprova della sua superiorità tecnica. A maggior ragione la sua vittoria ha un significato “mondiale” se si va a guardare il tabellone. Il livello tecnico può essere lo stesso di Mondiali e Olimpiadi se si considera solo la finale. Alle semifinali, il paragone regge solo con i Mondiali. Ma dai quarti di finale ai turni precedenti, non c’è più discussione, tutte le altre gare fanno una figura di merda. Nei quarti dei Mondiali di Parigi troviamo Baum, Matsudaira e Boll, oltre ai cinesi. Ad Anshan (nella Provincia del Liaoning), sede delle finali dei Giochi Nazionali, abbiamo questa serie stratosferica: Ma Long, Wang Liqin, Wang Hao, Cui Qinglei (l’unico sconosciuto, che perà ha eliminato Ma Lin), Fan Zhendong, Zhang Jike, Xu Xin e Yan An. A malapena il solo Boll potrebbe sperare, in giornata di grazia, di trovare un posto fra questi otto, il resto del mondo se lo sogna. E, tanto per gradire, come potrete verificare dando uno sguardo ai risultati allegati a questo articolo, negli ottavi troviamo gente come Zhou Yu (vincitore del singolo ai Campionati nazionali cinesi 2012), Hao Shuai, Chen Qi, per citare gente in classifica mondiale, e uno sconosciuto Liu Yi, che però è il più forte difensore del mondo (non sto scherzando, il più forte del mondo), ma che ha la sfortuna di giocare in una nazione che preferisce non portare più i difensori maschili in giro per i tornei internazionali. Insomma, una muraglia contro la quale si andrebbero a infrangere quasi tutti i giocatori non cinesi di cosiddetta alta classifica: per loro, entrare negli ottavi dei Giochi Nazionali sarebbe un miracolo. Delle donne meglio non parlare, perché, per una valutazione giusta, un paio di “non cinesi” potrebbero arrivare al massimo nei sedicesimi, se proprio tutto va bene. Stesso discorso per la gara a squadre. Per intenderci: fra gli uomini, la Germania dovrebbe compiere un’impresa per entrare in semifinale, a mio parere senza possibilità di riuscirci, Giappone e Corea del Sud per entrare nei quarti; fra le donne, ci potrebbe essere un posto per Giappone e Corea del Sud solo nei quarti. Questa è la realtà, inutile prendersi in giro. E già qualificarsi per le Finali nazionali è un’impresa. Parto quindi dalle qualificazioni, che si sono giocate a Nanchang (Provincia della Jiangxi) a giugno, subito dopo i Mondiali di Parigi.

QUALIFICAZIONI A NANCHANG

Piccola premessa per spiegare i meccanismi delle qualificazioni. Sono qualificate direttamente alle Finali ad Anshan le prime quattro squadre dei Campionati Nazionali dell’anno precedente. Tutte le altre sono suddivise in quattro gironi, le prime tre classificate vanno alle Finali, in cui ci saranno 16 squadre, suddivise in 4 gironi da 4. Nelle gare di singolo, sono direttamente qualificati alle Finali ad Anshan tutti i giocatori che hanno vinto medaglie all’Olimpiade 2012, ai Mondiali individuali 2011, ai Mondiali a squadre 2012, che sono saliti sul podio delle Coppe del Mondo individuali e a squadre nel 2012. Il numero, quindi, non è fisso, ma varia fra uomini e donne, per cui da Nanchang si qualificano comunque 16 giocatori e i tabelloni da 32 delle Finali ad Anshan avranno qualche preturno. Nelle gare di doppio, non ci sono giocatori qualificati direttamente alle Finali, giocano tutti, ma proprio tutti. Si qualificano 16 doppi, maschili, femminili e misti, per un tabellone delle Finali ad Anshan che parte dagli ottavi.
Nelle finali ad Anshan, passano le prime due squadre di ogni girone per il tabellone dal primo all’ottavo posto, non si assegnano le posizioni dalla nona alla sedicesima. Nel singolo, tabellone dai sedicesimi, si assegnano le posizioni dalla prima all’ottava, ma nella finale per il terzo posto e in tutte le partite per le posizioni dalla quinta all’ottava si gioca al meglio dei 5 set e non dei 7. Nei doppi, tabellone dagli ottavi, si giocano al meglio dei 7 set solo le semifinali per il titolo e la finale, tutte gli altri turni e finali al meglio dei 5 set. Va inoltre chiarito che, rispetto ai Campionati Nazionali che si svolgono ogni anno, c’è un fondamentale cambiamento nelle gare a squadre. Nei Campionati Nazionali, come qualcuno forse ricorderà, è obbligatorio schierare un giocatore a penna o un difensore nelle gare a squadre. Tutto ciò per evitare che questi tipi di giocatori, in particolare i pennaioli, scompaiano. Nei Giochi Nazionali, invece, questo obbligo scompare, quindi ogni squadra può schierare anche tre attaccanti con l’impugnatura all’europea, se desidera fare così. Vista l’importanza dei Giochi Nazionali, infatti, non si vogliono porre limiti di alcun genere.

Spiegato questo, passo a dire che già a Nanchang ci sono importanti eliminazioni, a riprova del livello altissimo delle gare e della tensione esasperata che provoca vittime illustri. Quelle più inaspettate avvengono nella gara a squadre: fra gli uomini viene eliminata nientemeno che Hong Kong, quarta nel suo girone; fra le donne, va fuori Guangdong, la squadra di Liu Shiwen, finalista nel singolo ai Mondiali di Parigi. Così, si comincia ad avere un’idea della difficoltà di questa gara. Nei doppi, molte sorprese, a cominciare da quella di Ma Long e Yan An, eliminati da Pan Deng e Liu Yanan, di Tianjin. Nel doppio femminile, fuori Liu Shiwen e Xu Jie, Li Qian e Zhu Yuling (quest’ultima semifinalista nel singolo ai Mondiali di Parigi), Liu Gaoyang e Gu Ruochen vincitrici della gara a squadre e prima e seconda nel singolo ai Mondiali junior. Nel doppio misto, altre sorprese con l’eliminazione di Xu Xin e Mao Xinxin, di Fang Bo e Gu Yuting, di Yan An e Guo Yan, giocatori di alta classifica mondiale, vincitori di tornei internazionali e così via.

GUO YAN

Prima di passare alle Finali, mi soffermo un momento per celebrare l’addio di una grande giocatrice, Guo Yan, che ha annunciato il ritiro dalle gare proprio ad Anshan. Secondo me, Guo Yan, compagna di squadra di Zhang Yining nel club di Beijing, è una delle giocatrici più forti ma al tempo stesso più sfortunate della storia del tennistavolo. Sfortunata perché è capitata nello stesso periodo di due campionesse come Zhang Yining e Wang Nan, finendo per raccogliere molto poco, anche se comunque ha vinto una Coppa del Mondo di singolo, è arrivata in finale nel singolo ai Mondiali 2005 contro Zhang Yining, ha vinto titoli mondiali a squadre e Coppe del Mondo a squadre, oltre a molti Open internazionali. Ma è stata sfortunata anche perché le è stata negata la possibilità di vincere una medaglia olimpica a Londra. Lei era la prima nella classifica mondiale nel momento della qualificazione diretta all’Olimpiade 2012, quindi aveva diritto a partecipare, al contrario di Ding Ning che, sia pure campionessa mondiale in carica, non era qualificata perché dietro in classifica. Purtroppo, i dirigenti cinesi hanno deciso di far partecipare Ding Ning e hanno inventato un infortunio di Guo Yan, assolutamente falso, per poter effettuare la sostituzione. Guo Yan non aveva la possibilità di opporsi ed è rimasta fuori. Il titolo non lo avrebbe vinto, perché Li Xiaoxia è più forte, ma avrebbe preso l’argento nel singolo e avrebbe vinto l’oro nella gara a squadre. E’ una offesa allo sport e una ingiustizia che abbia dovuto cedere il posto a Ding Ning. Adesso, si ritira, con grande compostezza e signorilità, che quasi contrastano con la grinta che metteva in campo e con il gioco potente “da maschio” che sapeva esprimere, ma, per quello che vale, nella mia speciale classifica, lei è una delle più grandi di sempre.

SQUADRE MASCHILI

E passiamo alle gare, cominciando da quella a squadre maschili. Jiefangjun vince perché è più compatta, senza punti deboli, con Wang Hao che rappresenta l’esperienza e i giovani Fan Zhendong e Zhou Yu in grado di giocarsela con chiunque. Ma è anche vero che soffre contro Guangdong nei quarti, con Wang Hao che perde due punti contro un ormai stanco Ma Lin (vicino al ritiro) e un giovane Lin Gaoyuan. Ed è anche vero che un suicidio lo compie Shandong, con Zhang Jike che, dopo una bella prova nel girone proprio contro Jiefangjun (due punti facili contro Wang Hao e Fan Zhendong), si addormenta letteralmente e nei quarti di finale, contro Shanghai, è un autentico fantasma. Potrebbe anche passare la sconfitta con un pimpante Wang Liqin, che poi batte anche Fan Zhendong in finale, ma contro Xu Xin il suo incontro è una vera barzelletta, immobile vicino al tavolo, palline buttate a casaccio da una parte all’altra, basta guardare i punteggi per rendersene conto, set persi a 3, 2, e 1, contro uno vinto a 4, solo per orgoglio, per poi ricadere nell’apatia. Considerato che Xu Xin non ha certo impressionato nelle altre partite, si capisce come Zhang Jike abbia considerato questa gara non alla sua altezza, tant’è che anche nel singolo il suo comportamento è stato deludente. Nemmeno Beijing va bene, un po’ perché Yan An non è in forma (ritrova lo spirito giusto solo nel singolo quando batte Zhou Yu, per poi ricadere), un po’ perché Ma Long sembra riservare tutte le energie per il singolo, gara nella quale, in effetti, giocherà alla grande. Fa bella figura, invece, Shanghai con un Wang Liqin che a 35 anni dimostra di essere ancora un grande campione e di esempio per tutti, non solo con la sua bravura tecnica, ma soprattutto con la sua serietà, la sua generosità, sembra un ragazzino con tanta voglia di giocare, mai un avversario affrontato con sufficienza, mai una partita buttata senza impegnarsi. E infatti, nella finale contro Jiefangjun, è l’unico a fare il punto, battendo un Fan Zhendong impressionante per potenza, ma anche per progressi tecnici, in un match durissimo. E c’è anche un po’ di rimpianto per Shanghai, visto che, nel primo match, sta per scapparci la sorpresa, con il non eccelso Shang Kun a condurre 2-1 su Wang Hao e ad avere un match-ball sul 10-9, che sciupa così come ha sprecato un vantaggio di 9-6 nello stesso set. Wang Hao si salva a stento anche nel quinto set, che vinse a 13, con tanta paura. In pratica, la finale si decide lì, perché Xu Xin è inesistente, si becca 3-0 sia da Zhou Yu che da Wang Hao, pur non irresistibile, come si è visto contro Shang Kun e come si vedrà poi nel singolo. In generale, comunque, partite tutte tirate e belle, tranne i pochi match fra scoglionati.

SQUADRE FEMMINILI

Shandong è nettamente superiore, con Li Xiaoxia, Chen Meng e Gu Yuting, così la gara non ha storia. Nemmeno Beijing, che sulla carta potrebbe stare alla pari, grazie a Ding Ning e Guo Yan, nella realtà non ha alcuna chance, soprattutto perché Ding Ning, dopo il 2011 favorevole in cui vinse Mondiali e Coppa del Mondo, ha mostrato tutti i suoi limiti tecnici, continua a puntare solo sulla potenza, tant’è che in semifinale prende una dura lezione da Li Xiaoxia, un 3-0 netto e senza attenuanti. L’unica pecca di Shandong, che causa uno sbilanciamento notevole del tabellone finale, è la sconfitta nel girone contro Heilongjiang. Dopo aver vinto senza problemi i primi due match, fra cui quello più difficile contro Sichuan (che schiera la semifinalista dei Mondiali di Parigi, Zhu Yuling, e proprio lei fa 2 punti contro Li Xiaoxia e Chen Meng), Shandong non schiera Li Xiaoxia nel facile incontro con Heilongjiang e perde, ritrovandosi così al secondo posto nel girone. La conseguenza è che nella parte bassa del tabellone stanno le favorite, in quella alta le meno forti. Perciò, si arriva a una finale monca, fra Shandong e Shanxi, squadra quest’ultima in cui l’unica giocatrice di alto livello mondiale è la difesa Wu Yang, e in seconda battuta Li Xiaodan, anche lei in classifica mondiale, ma più in basso. La finale è una gara scontata, che finisce in un’ora e un quarto, senza sussulti e spettacolo. Il resto del tabellone è però molto bello. Manca comunque lo scontro più interessante, fra Shandong e Liaoning, perché la squadra di casa deve rinunciare alla sua numero 1, Guo Yue, in circostanze dubbie. Guo Yue, come si ricorderà, aveva svolto un’attività internazionale ridotta a causa di presunti problemi alla schiena, tant’è che ai Mondiali di Parigi aveva giocato solo il doppio, vincendolo e giocando alla grande. Ad Anshan, non gioca le prime due partite del Liaoning, facili, poi si presenta contro il Guangxi. Gioca il primo match, contro Yin Jie, conduce 2-0 e 10-7, ma sul match-ball succede qualcosa di strano. Guo Yue, spiazzata da un colpo dell’avversaria, nel tentativo non riuscito di recuperare la palla finisce lentamente a terra e, mentre si sta rialzando, si mette le mani attorno al collo, quindi ricade a terra, molto lentamente, e resta lì, stesa, per un quarto d’ora. Arrivano i soccorsi, cercano di metterla su una barella e di piazzarle un collare, ma lei si rialza e chiede di giocare. Non può perché è scaduto il limite di tempo (10 minuti) per riprendere il gioco. Inoltre, tecnico e medico le consigliano di restare ferma. Infatti, non gioca il successivo match contro Xiong Xinyun, mentre il Liaoning vince ugualmente, 3-2, grazie alle vittoria di Chang Chenchen e Wen Jia. Poi, Guo Yue non gioca nemmeno il quarto di finale contro Shanxi, che Liaoning perde 3-2, e sfumano la finale contro lo Shandong e la possibile vittoria nei Giochi. I dubbi legati a questa situazione sono molti. Intanto, l’incidente appare misterioso, perché Guo Yue, nella caduta, non sbatte il collo o la schiena, ma solo la gamba sinistra, tant’è che si rialza senza problemi e solo dopo un po’ si sdraia a terra. Poi, vengono fuori voci insistenti di gravi disaccordi fra lei e il Comitato olimpico provinciale del Liaoning, si parla di problemi economici, per cui Guo Yue vorrebbe sabotare le possibilità di vittoria della squadra. Infine, Guo Yue non gioca il singolo, dopo la gara a squadre, ma gioca il doppio. Il singolo comincia la mattina del 6 settembre, il doppio nel pomeriggio dello stesso giorno. Quindi: poche ore di differenza e Guo Yue sta male prima e bene dopo? Il doppio lo gioca al massimo, tanto da arrivare in finale, che perde perché ha una compagna non all’altezza, ma restano i dubbi sul suo comportamento, un vero peccato, considerato che Guo Yue resta la giocatrice tecnicamente più forte del mondo.

MA LONG

Passiamo agli individuali e naturalmente la copertina va a Ma Long. Va detto che la vittoria nel singolo non è stata certo facile, come lo erano state alcune in cui aveva mostrato una strapotenza di altro pianeta, come le Finali del Pro Tour. Stavolta, ha dovuto soffrire sin dagli ottavi di finale, ha rischiato più volte di andare sotto, ha dovuto rimontare, ha dovuto superare ostacoli grandissimi, ma, al contrario di quanto accaduto in altre occasioni, in particolar modo i Mondiali, con le tre semifinali consecutive perse con Wang Hao, ad Anshan Ma Long ha saputo tenere duro, mostrando una grinta che non avevo mai visto. Probabilmente, il fatto di giocare nella città in cui è nato è stata la spinta decisiva per lui, che alla fine ha vinto meritatamente. Ogni turno, dagli ottavi, è pieno di rischi. Comincia contro un giovane potentissimo come Lian Jingkun e lo soffre, ma tira fuori colpi ancora più potenti per superarlo. Poi, gli capita un Wang Liqin ancora in forma, che probabilmente avrebbe la possibilità di arrivare in finale se fosse nell’altra parte del tabellone, e anche contro di lui è una battaglia a suon di colpi da urlo. E arriva la semifinale contro Wang Hao. Ci ha perso in tre Mondiali consecutivi, ci ha perso anche nella finale dei Giochi Nazionali del 2009, a Qingdao, Ma Long non ha alternativa, deve vincere per dimostrare che è un campione vero, altrimenti resterà un campione a metà. Wang Hao, che fino a questa partita ha giocato male, sopravvivendo a stento ad avversari che lo stavano prendendo a pallate (come Cheng Qingqi, di cui parlerò dopo), ritrova lo spirito giusto e i colpi anticipati di rovescio per mettere in difficoltà Ma Long, tanto da ritrovarsi sul 2-1. Ma Long deve sudarsi ogni punto, al termine di scambi estenuanti, ma poco alla volta riesce a farcela e finalmente batte Wang Hao. La finale, poi, è ancora più ricca di brividi, contro uno scatenato Fan Zhendong, che ha battuto, senza problemi, Zhang Jike e Xu Xin. Ma Long si trova in grande difficoltà contro la potenza di Fan Zhendong, riesce a sorprenderlo con la velocità nei primi set, ma poi è costretto sulla difensiva, perché Fan Zhendong attacca ogni palla, cominciando dalla risposta al servizio, in particolare spostandosi di rovescio sul lato del diritto per aprire il gioco sia con topspin di rovescio sia con flip in violenta accelerazione. Così, Ma Long si ritrova sotto 3-2 e deve rimontare anche nel sesto set. Sembra davvero finita per lui, ma a questo punto comincia la parte più entusiasmante del match, perché Ma Long accetta il gioco violento, anzi lo anticipa, e vengono fuori scambi da paura. Proprio sul terreno su cui è favorito Fan Zhendong, ecco che Ma Long, con le palle che gli fumano, costruisce un capolavoro. La vittoria è la dimostrazione della sua classe, ma anche la prova che, quando Ma Long riesce a vincere le sue paure, è il più forte del mondo, a mio parere ancora davanti, sia pure di pochissimo, a Zhang Jike. E comunque sono entrambi a un livello superiore a tutti gli altri, col solo Fan Zhendong che può avvicinarsi a loro nei prossimi anni.

FAN ZHENDONG E GLI ALTRI

E parto proprio da Fan Zhendong per parlare degli altri protagonisti. Alle cose che ho già detto su lui, sia a proposito di questi Giochi, sia di gare precedenti, ne devo aggiungere due molto importanti: una sul suo gioco contro gli attaccanti, l’altra su quello contro le difese. Poco alla volta, la sua efficacia nell’aprire il gioco, anche con colpi già potenti e non solo con il flip di media forza, è sempre più grande. In particolare, sta affinando la capacità di attaccare servizi molto bassi e corti grazie soprattutto al rovescio, con la testa della racchetta puntata verso il basso per andare letteralmente a raccattare la pallina dagli abissi e tirarla su con topspin e sidespin. Gli stessi Ma Long e Zhang Jike (quest’ultimo sia pure nello scoglionamento) hanno sofferto queste aperture, pur disponendo entrambi del miglior block di rovescio (sia di controllo, sia spinto) che ci sia oggi nel mondo. L’altra indicazione notevole si riferisce all’attacco contro le difese. Pensavo che Fan Zhendong fosse ancora un passo indietro in questo fondamentale, ma ho constatato che invece è al di là di qualsiasi immaginazione. Negli ottavi affronta Liu Yi, il fortissimo difensore di cui ho parlato all’inizio. Fan Zhendong cede il primo set, poi dà il via a un bombardamento impressionante di topspin, moltissimi dei quali sparati con la pallina che si ritrova a fil di rete. Per dare un’idea di quanto sia spaventosa la forza del topspin di Fan Zhendong basti solo questo: è persino più devastante di quello di Wang Liqin, che fino a questo momento aveva mostrato nei topspin la potenza più grande nell’intera storia del tenistavolo. Poco alla volta, Liu Yi, che pure butta di là tagli pesantissimi con rimbalzi bassissimi, quasi impossibili per qualunque avversario, è costretto ad andare a raccogliere palline da un lato all’altro dell’aera di gioco. Naturalmente, accanto agli aspetti positivi, ce n’è anche qualcuno negativo per Fan Zhendong. Il principale è il suo scarso acume tattico. In pratica, almeno per ora, spara palle e non si preoccupa di nient’altro, per cui è ancora possibile imbrigliarlo, ma poco alla volta anche questo difetto è destinato a scomparire e allora sarà dura per tutti affrontare Fan Zhendong.
Lascio da parte i più giovani, di cui parlo in un altro capitolo, per andare brevemente sugli altri protagonisti. Ma Lin è ormai un ex, anche se ha qualche sprazzo di bravura. Wang Hao si risveglia solo contro Ma Long, per il resto è in difficoltà contro chiunque, in special modo contro Cheng Qingqi, che conduce 3-0 e ha un match-ball che spreca per poi innervosirsi per l’occasione perduta e cedere negli altri set. In questo match, Cheng Qingqi domina gli scambi, in potenza e in velocità, con  Wang Hao costretto sempre sulla difensiva e visibilmente rassegnato. Poi, la voglia di strafare gioca un brutto scherzo a Cheng Qingqi, che sbaglia clamorosamente, ma rimane la negativa sensazione di un Wang Hao che ormai fatica a tenere il ritmo degli avversari più giovani. Ancora un passo falso per Xu Xin, che si prende il terzo posto solo perché si ritrova un tabellone favorevole e uno Yan An non in forma, ma, sia nella gara a squadre che nel singolo, mostra sempre più limiti che stanno convincendo i tecnici cinesi a non puntare più su lui come uomo di punta insieme a Zhang Jike e Ma Long. I favoriti come numero 3, a questo punto, sono Fan Zhendong e Yan An, oltre a Zhou Yu. Per Xu Xin i tecnici riservano una chance per i match contro gli europei in particolare, visto che la sua velocità e il fatto di essere pennaiolo mancino fanno di lui comunque un avversario imbattibile per i non cinesi.

NUOVA GENERAZIONE

Zhou Yu, appena nominato, insieme a Fan Zhendong (tutti e due nativi della provincia dell’Henan, quella di Deng Yaping) fa parte della nuova generazione ed è l’unico che si distingue per un fisico “normale”, snello e senza grosse masse muscolari che, invece, contraddistinguono ormai quasi tutti i nuovi giocatori cinesi. Anche Zhou Yu, come Fan Zhendong, tutti e due nella squadra dell’Esercito, Jiefangjun, quindi stessa scuola sotto la guida di Wang Tao, ha come caratteristica l’attacco forsennato, che comincia già dalla risposta al servizio, ma ci mette anche una superiore velocità, ovviamente con minore potenza. Gli altri, invece, a cominciare da Fan Zhendong, fanno chiaramente capire quale sia stata l’impostazione dei tecnici cinesi per le nuove generazioni. Si è puntato soprattutto sulla forza fisica, resa sempre piùnecessaria dall’evoluzione del tennistavolo in seguito all’introduzione della pallina da 40 millimetri, ciò che io considero il più grande disastro per il nostro sport. A vedere le partite, si nota che la pallina viaggia ormai quasi alla stessa velocità di quanto era più piccola, 38 millimetri, e questo è possibile quasi esclusivamente all’aumentata forza fisica, visto che l’evoluzione tecnica nel modo di colpire la pallina aveva già raggiunto i limiti molti anni fa. Quindi, c’è bisogno di giocatori con masse muscolari più grandi, sia nelle gambe che nelle braccia. Basta osservare, oltre a quella di Fan Zhendong, le foto di
Xu Chenhao, Cheng Qingqi, Lian Jingkun, Cui Qinglei, solo per citare quelli che sono andati più avanti nel tabellone, per capire quale sia stata la trasformazione avvenuta negli ultimi anni. Certo, in questo modo, si hanno giocatori più potenti, ma a mio parere si rischia di perdere la sensibilità del braccio e del polso (il vero difetto di Fan Zhendongfinora). Insomma, si rischia di assomigliare sempre più al tennis, i cui cambiamenti sono stati deleteri per lo spettacolo: tutti bombardieri, si è perso il ricordo dei giocatori come McEnroe, giusto per citare uno di quelli che si distinguevano per tocco e fantasia, creando spettacolo. Adesso, vedete ancora azioni da “serve and volley”? Scomparse. Con le dovute proporzioni, credo che il tennistavolo sia ormai avviato su quella strada e, ripeto, il disastro deriva dalle scellerate scelte dell’Ittf (la pallina da 40 millimetri) che, nel tentativo di distruggere la Cina, sta distruggendo questo sport.

ESASPERAZIONI TECNICHE

Dal punto di vista strettamente tecnico, c’è solo una cosa che credo valga la pena di sottolineare: l’esasperazione nel tentare l’attacco sul servizio, quasi sempre con il rovescio. In più del 90 per cento degli attacchi sul servizio, il giocatore si sposta sul lato del diritto per colpire col rovescio. In pratica, non c’è più alcuna sorpresa nel vedere questo movimento. Il punto fondamentale, secondo me, non è però la volontà di creare una sorpresa, ma soltanto quello di attaccare col rovescio, anziché col diritto, la prima palla disponibile. In effetti, soprattutto sulla palle basse e corte, l’attacco di diritto è meno efficace, perché si imprime minor effetto a causa della maggior difficoltà di rotazione del polso. Cerco di chiarire meglio: il movimento col polso che va verso l’interno, come accade nei colpi di diritto, è più facile, ma quando questo movimento si effettua senza la possibilità di fare il caricamento, perché la pallina è bassa sul tavolo e bisogna imprimerle l’effetto superiore, quindi non si può partire fuori dal tavolo stesso, allora, sia che si parta con la racchetta parallela al tavolo, sia che si parta con la racchetta perpendicolare, con la testa rivolta verso il basso, il movimento risulta meno efficace e l’effetto che si riesce a dare è minore, oltre ad avere una pallina più lenta. Colpendo di rovescio, invece, anche se può apparire paradossale, con il polso che “gira” al contrario, il movimento risulta più facile, la pallina viene “artigliata” benissimo, soprattutto con la testa della racchetta rivolta verso il basso, e si ottengono un effetto maggiore, anche di “side”, e una velocità più alta. Per questi motivi, appare logica la soluzione dei giovani cinesi di attaccare quasi sempre di rovescio. E posso assicurare che le palline che vengono fuori da queste azioni schizzano letteralmente sul tavolo. Il problema è che questa soluzione diventa quasi l’unica, per cui la sua efficacia diminuisce col passare del tempo, perché l’avversario si abitua a quell’azione, ma anche perché dà origine quasi sempre allo stesso sviluppo tattico, con la pallina che va a finire sul rovescio di chi ha effettuato il servizio (destro contro destro o mancino contro mancino) e con conseguente scambio incrociato sul tavolo. E’ un po’ la stessa logica che deriva dall’imbarbarimento dello scambio fra giocatori dalle grosse masse muscolari: scambi potenti, ma con poche variazioni di effetti e di direzioni. E anche questa è una esasperazione che fa male al tennistavolo.
STRETTA DI MANO
Infine, dopo le esasperazioni tecniche, faccio notare un altro dato interessante, che conferma l’andamento di cui ho parlato sin da quando seguo i Campionati cinesi: l’aumento esponenziale dei giocatori all’europea, ascapito di quelli a penna. Avevo già fatto notare, nel corso degli anni, che i giocatori all’europea sono arrivati circa al 70% degli uomini e all’80% delle donne. Non è una sorpresa, visto che i cinesi hanno capito benissimo che l’impugnatura all’europea è migliore e la stessa evoluzione dei pennaioli, con l’uso di entrambe le facce della racchetta rispondeva all’esigenza di salvaguardare una caratteristica storica e considerata anche culturale, vale a dire l’impugnatura a penna, permettendo di riequilibrare un po’ gli svantaggi notevoli che avevano i pennaioli classici, che colpivano la palla con una sola faccia della racchetta ed erano costretti a movimenti innaturali, con torsioni impossibili di braccio e polso. L’aumento dei giocatori all’europea è in costante aumento. Ai Giochi Nazionali, nel tabellone delle Finali, da 32, c’erano ben 28 “europei” e solo 4 pennaioli fra gli uomini, addirittura 30 “europee” e appena 2 pennaiole fra le donne. E’ una indicazione ormai irreversibile, che segna il definitivo passaggio da un’epoca all’altra.

LI XIAOXIA

E’ il turno delle donne e comincio da Li Xiaoxia. La campionessa olimpica e mondiale conferma di essere la più forte e la più in forma, non dà scampo col suo gioco lineare ma veloce, con gli scambi sul tavolo conclusi con spostamenti e accelerazioni improvvisi che spiazzano le avversarie. Si trova in difficoltà solamente nella finale contro la compagna di squadra Chen Meng, ma alla fine prevale, anche lei di fronte al suo pubblico, visto che è nata ad Anshan, come Ma Long e come Guo Yue. Se poi teniamo conto che Ma Lin è nato poco distante e se andiamo a guardare al passato, con Wang Nan anche lei del Liaoning, si vede che questa provincia è un vero serbatoio di campioni. Comunque, Li Xiaoxia mostra di non avere concorrenti in questo momento e solo qualche infortunio può fermarla, tant’è, infatti, che non ha giocato la Coppa del mondo, subito dopo, per un malanno alla schiena. Quindi, non ci sono grandi sorprese fra le donne. La stessa Chen Meng non è una novità, visto che è in circolazione da parecchio e che, comunque, non ha spunti di grande classe. E’ una giocatrice solida, potente e molto sicura nello scambio veloce sul tavolo, una specie di muro, ma con poche invenzioni e con una tecnica di alto livello, ma non eccezionale. E’ lei comunque a provocare quella che è considerata la sorpresa più grande, che però non lo è per me: l’eliminazione di Ding Ning, nei quarti. Il risultato è di 4-3, con un 13-11 all’ultimo set, ma il significato del match è profondamente diverso, perché Chen Meng straccia Ding Ning nei primi tre set e sembra avere vita facile nel quarto, ma si impappina, forse per troppa sicurezza, e si innervosisce, fino a rischiare la sconfitta. Alla fine, però, è decisiva la sua superiorità nello scambio veloce. Ding Ning, invece, continua nella sua parabola discendente, dovuta anche alla sua presunzione. Non eccelsa tecnicamente, ma forte fisicamente e nello scambio, dopo le vittorie del 2011 ai Mondiali e in Coppa del Mondo si era illusa di poter giocare “di fino”, perdendo naturalmente contro chi ha il braccio buono, come Li Xiaoxia e Liu Shiwen. E adesso non ce la fa nemmeno contro le altre che fanno il suo stesso gioco. Il che fa aumentare i rimpianti per la scelta di preferire lei a Guo Yan per l’Olimpiade di Londra. Per il resto, da notare il cattivo stato di forma di Liu Shiwen e la sorpresa di Zhou Xintong, una “sconosciuta” arrivata sino ai quarti di finale. Zhou Xintong è una pennaiola con le gomme “a cazzo”, puntinata senza gommapiuma sul diritto, puntinata con gommapiuma sul rovescio, vera killer delle difese. Nella gara a squadre distrugge Wu Yang, per poi batterla di nuovo nella finale per il quinto posto nel singolo, nel singolo batte Hu Limei 4-0. Quindi, annienta le due difese cinesi più forti (e quindi più forti del mondo, cui si aggiunge la novità Liu Fei, di Jiangsu)), per poi perdere nettamente contro un’attaccante, Wen Jia (a 3, 3, 1, e 7!), a dimostrazione che il tennistavolo è probabilmente lo sport con più alto significato tecnico, nel quale piccolissime variazioni possono provocare risultati contrapposti.

SPETTATORI E TV

Concludo con gli aggiornamenti su spettatori e tv, e non sono notizie buone. Anche ai Giochi Nazionali si è avuta la conferma del declino dell’interesse per il tennistavolo in Cina. Si è visto il palazzetto pieno solo per le finali del singolo, l’ultimo giorno (quasi quattromila spettatori), e pieno a metà per le finali a squadre. Negli altri giorni, tribune desolatamente quasi vuote. E in Tv ci sono state le dirette soltanto per le finali. Il tennistavolo è sempre più in pericolo.
Links per scaricare i risultati integrali:

Risultati Anshan Individuali

Risultati Anshan Squadre

Risultati Qual. Nanchang Individuali

Risultati Qual. Nanchang Squadre

Altre foto da Anshan

Destate le fiamme

12 Agosto 2013 da Ping Pong Italia · 24 Commenti 

del Drago Rosso

L’annuncio della prima decisione presa da Patrizio Deniso nella sua veste di capo supremo del settore tecnico, vale a dire la nomina di Antonio Gigliotti alla guida della Nazionale femminile, è lo spunto da cui partire per una analisi delle ultime vicende del tennistavolo italiano. La situazione, a dispetto della vittoria della squadra junior maschile agli Europei giovanili, va peggiorando sempre più, sia dal punto di vista tecnico, sia da quello politico. Ormai, non si tenta nemmeno più di coprire le vergogne, si agisce spudoratamente all’insegna del “comando io e me ne sbatto altamente il cazzo di chi non è dalla mia parte”. La cosa peggiore è sentire le disquisizioni di cerebrolesi che chiedono, indignati, di non parlare di politica perché loro “vogliono solo giocare a tennistavolo”. Poi si ritrovano all’una di notte in una palestra piccola, fredda e umida, a giocare quelli che dovrebbero essere i Campionati nazionali. E in quel momento bisognerebbe chiedere loro: “E allora, grandissimi coglioni, adesso lo capite perché anche il semplice voler giocare a tennistavolo è una questione politica?”

Ma il peggio è vedere che risultati ha dato il voto elettorale, espresso da traditori, buffoni, cialtroni e venduti: il tennistavolo italiano affonda nella merda. E proviamo a capire perché.

NAZIONALI

Penso che chiunque abbia un sia pur minimo quoziente di intelligenza capisca che la nomina di Gigliotti non è stata “libera”. Se poi vogliamo prenderci per il culo e dire che Deniso ha preferito, autonomamente, Gigliotti a Errigo, questo è un altro discorso. Io, però, lascio da parte la “presa per il culo” e vado avanti per la mia strada. Ricordo due cose essenzialmente. La prima: Deniso ed Errigo sono stati insieme alla conduzione delle squadre nazionali (Patrizio la maschile, Maurizio la femminile) fino al 2001, quando Deniso fu esonerato per contrasti con la Fitet guidata da Bosi e fu sostituito da Costantini. La loro era una stretta collaborazione, i due erano (e sono) molto amici, condividevano le impostazioni tecniche e del lavoro in generale. Insomma, prima ancora di considerare i buoni risultati ottenuti da Errigo con la Nazionale (a cominciare dall’oro europeo a squadre nel 2003), la considerazione e la stima che Deniso ha nei suoi confronti parte da ancora più lontano, da un lavoro fatto insieme e dalla condivisione delle idee nella conduzione delle Nazionali. La seconda cosa da ricordare: durante la recente campagna elettorale, il presidente Sciannimanico annunciò, con un colpo di teatro, che la guida tecnica sarebbe stata affidata a Deniso. Le considerazioni che, nella base, vennero fuori (basta rileggere gli interventi nei forum) ebbero una costante: Sciannimanico lascia la responsabilità tecnica a Deniso e dimostra a tutti che non interverrà sulle scelte. Perché questo? Perché, spiegavano i partecipanti alle discussioni sui forum, Deniso è un sergente di ferro che non accetta compromessi, che ha detto sì alla proposta di Sciannimanico solo perché è stato lasciato libero di decidere quello che vuole, senza imposizioni e divieti. Ripeto: basta andare a rileggere tutte quelle discussioni e si ritroverà esattamente ciò che ho appena riferito.

Bene, a quanto pare, il “sergente di ferro” almeno una imposizione l’ha accettata, quella di non chiamare Errigo nello staff della Nazionale. Perché tutti sanno i contrasti che ci sono stati fra Sciannimanico ed Errigo, a cominciare dalla sua cacciata dalla Nazionale nel 2005, insieme a Costantini, per poi arrivare a quella dal Castel Goffredo. E tutti sanno che Deniso, non solo per amicizia, ma soprattutto per risultati ottenuti e competenza, avrebbe scelto Errigo. Invece, spunta Gigliotti, comunque un giovane dello staff di Deniso, insieme a Piacentini, impegnato nelle giovanili. Insomma, cresciuti da giocatori sotto Deniso e quindi non facilmente in grado di staccarsene per prendere decisioni autonome. Ma il punto principale non è nemmeno questo. Il punto è che se Deniso ha accettato una imposizione, quale assicurazione possiamo avere che non ne accetterà altre? E, vista la situazione di “dipendenza”, quale assicurazione possiamo avere che le convocazioni saranno autonome? E allora, dove sono finite le anime candide che parlavano di un sergente di ferro che dettava le condizioni a Sciannimanico? Inutile illudersi, poi, che ci sarà un rendiconto finale con risultati e quant’altro. Non c’è mai stato, a cominciare da Costantini ed Errigo (i quali, se ci fosse stato, sarebbero dovuti restare alla guida delle Nazionali per tanti altri anni) per finire a tutti quelli che li hanno seguiti, e non ci sarà mai con questa Fitet.

Chiudo questa prima parte con una nota: se per escludere Errigo c’è voluto un diktat, non ce n’è stato assolutamente bisogno per Costantini. Tanto per essere chiari, Deniso comunque non lo chiamerebbe mai, perché le loro visioni di come essere allenatore di tennistavolo e c.t. della Nazionale sono completamente diverse, agli antipodi. Fra l’altro, giusto per la cronaca, Costantini non ha mai accettato imposizioni e proprio da un suo rifiuto a convocare una certa persona in Nazionale, su espressa richiesta del padre di questo giocatore, sono nati tutti i suoi guai.

GIOCHI DEL MEDITERRANEO

E resto in tema di convocazioni tornando indietro ai Giochi del Mediterraneo, che si sono tenuti a Mersin, in Turchia. L’Italia maschile ha preso l’argento nella gara a squadre, battuta dai turchi (col cinese Vang Bora) in una finale senza storia. E’ già molto, comunque, che sul sito della Fitet non sia apparso l’annuncio della conquista di “tre” medaglie d’argento, come accaduto quattro anni fa a Pescara, quando si misero in bella evidenza le “tre medaglie d’oro” delle azzurre che avevano vinto la gara a squadre femminili. Le ragazze, invece, hanno perso la finale per il bronzo, contro l’Egitto. E qui, contrariamente a quanto avvenuto per la squadra maschile, con i migliori in gara, non si è capito il motivo della rinuncia a Lisa Ridolfi, che è stata sempre una delle migliori come rendimento nelle recenti gare dell’Italia. A Mersin c’erano la Stefanova, la Vivarelli (arrivata dopo qualche giorno perché aveva gli esami a scuola) e la Piccolin. E, obbiettivamente, preferire la Piccolin alla Ridolfi è sconcertante. Certo, a considerare la cosa dal punto di vista della “geografia politica”, qualcosa in più si capisce, ma se la Ridolfi viene fatta fuori vuol dire che siamo alle solite. L’altra cosa incomprensibile è il commento di Deniso, sulla rivista federale pubblicata sul sito Fitet, a proposito di Stefanova, che si è ben comportata ma che, invece, viene giudicata negativamente. Anche in questo caso, fermo restando il rispetto per le opinioni altrui, giova ricordare che la Stefanova, da quando è andata via da Castel Goffredo, non sembra suscitare più la simpatia da cui era circondata quando gareggiava per la squadra del presidente. E certe coincidenze danno parecchio fastidio, oltre a essere ingiuste nei confronti dell’atleta in questione.

MARINA E AERONAUTICA

Certo, visto che la Stefanova fa parte dell’Aeronautica, dispiacerebbe se questa visione negativa potesse poi provocare ripercussioni sulle sue future convocazioni in Nazionale e, al peggio, anche al pericolo di essere dismessa dall’Aeronautica, in mancanza di risultati di interesse nazionale e internazionale. E’ vero che quando entrò in Aeronautica era più giovane e più in alto nella classifica mondiale, oltre a giocare per il Castel Goffredo, ma non vedo perché ne dovrebbe uscire proprio adesso che è la più forte in Italia, l’azzurra con la migliore classifica internazionale e gioca (giocava) con la Sandonatese! Ma nel panorama dei club militari si è aggiunta la Marina, con un ingresso che suscita qualche perplessità. Il posto in Marina se l’è preso Rossella Scardigno in virtù non delle qualifiche sportive, ma del possesso della patente nautica. Nel concorso per l’ingresso in Marina, il “titolo”, come la patente nautica appunto, era un requisito che dava più vantaggi delle prestazioni sportive, quindi, va chiarito subito, non c’è stata alcuna irregolarità. Il punto, però, è che non si capisce che funzione abbia un posto in Marina se la prestazione sportiva ha un’influenza minima se non nulla. La Scardigno non è nemmeno fra le prime dieci della classifica nazionale, ma ha scavalcato concorrenti come Vivarelli e Ridolfi che hanno partecipato a Mondiali ed Europei assoluti. In Aeronautica si entra per meriti, anche se può parere strano che vi entrino tutti quelli che giocano (o giocavano) per Castel Goffredo. In Marina si entra per titoli. Ma che senso ha? Fra l’altro, se, come per l’Aeronautica, il giocatore deve confermare la sua appartenenza al Corpo con i risultati, come potrà la Scardigno confermarla se non viene convocata in Nazionale? E allora cosa potrebbe succedere? Che bisognerà convocarla “per forza” in Nazionale per non perdere il posto in Marina, anche se ha davanti a sé molte altre giocatrici che il posto in Nazionale lo meritano più di lei? Ecco, la Fitet potrebbe fornire spiegazioni in merito, tanto più necessarie se si considera che la Scardigno è figlia di un vicepresidente federale?

NEGRISOLI

Parlando della Stefanova, ho detto che gioca (giocava) con la Sandonatese. La parentesi è dovuta al fatto che la Sandonatese, dopo la conquista dell’ultimo scudetto, ha annunciato la rinuncia al campionato per problemi economici. Così, rimane senza squadra anche Laura Negrisoli, che merita un discorso a parte per la paradossale situazione in cui si trova. Per prima cosa, faccio notare che, quest’ultimo con la Sandonatese, è il sedicesimo scudetto a squadre vinto dalla Negrisoli. Questo è un record assoluto per tutti gli sport in Italia. Fra le donne, Laura è la prima da sola. Ma, fatto più importante, ha raggiunto in testa, nella classifica assoluta, un grande campione come Eraldo Pizzo, della pallanuoto, anche lui a 16 scudetti. Quindi, la nostra Negrisoli porta lustro al tennistavolo venendone però ripagata con tanto disprezzo e ostracismo. Fra le candidate a un ruolo di tecnico nello staff della Nazionale, infatti, ci poteva essere anche lei, ma pare che non stia simpatica a qualcuno, provate a immaginare chi. Come si vede, i sospetti (e le certezze) di imposizioni cominciano a diventare parecchi. Il bello è che qualcuno, un altro traditore, millantava di poterle dare una mano spostando il proprio voto da feroce oppositore di Sciannimanico a leccaculo di prima classe. Anche in questo caso, provate a immaginare chi. Resta, infine, la scomparsa dalla Sandonatese, altra dimostrazione della politica fallimentare del tennistavolo italiano, vista che è la terza squadra campione in carica a ritirarsi, dopo Roma e Siracusa in campo maschile negli anni precedenti. Ma bisogna anche dire che i pianti sono inutili quando ci si è affidati per anni a gente che ha badato solo ai propri interessi e quando anche chi aveva contrastato questi irresponsabili alla fine si è appecoronato davanti a lui dandogli il voto alle elezioni. Se poi gli capita di piangere, se l’è semplicemente meritato.

EUROPEI GIOVANILI

E arriviamo alla vittoria della squadra junior agli Europei giovanili, spacciata come il grande risultato della politica federale in materia di lavoro sui ragazzi. Parto da un presupposto indispensabile per capire quale sia la reale situazione: il risultato del campo è sacro, quindi l’Italia non ha rubato alcunché, ma il significato tecnico è qualcosa di diverso, può coincidere col risultato, ma può anche stare all’opposto. Ed è proprio questo il caso della vittoria degli azzurri junior. Inutile stare a girarci intorno: è stata una grandissima botta di culo, intendendo per “culo” la fortuna di aver trovato avversari con impostazione tecnica favorevole alle caratteristiche degli azzurri, in giornata storta o colpevoli di presunzione (il caso dei francesi nella finale). E, per favore, lasciamo perdere i complimenti al tecnico. Ma Nannoni è il grande allenatore dell’oro conquistato contro la Francia in finale o l’allenatore scarso che nel girone ha perso con Ungheria e Slovacchia (la Slovacchia!!!) arrivando ultimo (!!!!!) nella classifica e venendo costretto agli spareggi per il ripescaggio nel tabellone principale? Con un regolamento minimamente serio, il quarto posto sarebbe equivalso all’eliminazione. Così, con una barzelletta di regolamento, si può andare avanti dopo aver fatto brutte figure ed essersi dimostrati di caratura tecnica inferiore. Ma non è nemmeno questo il punto principale. Quello che si deve considerare è che i nostri junior, come già accaduto nel passato anche a giocatori come Mondello e Piacentini, sono giocatori limitati tecnicamente, nel senso che hanno alcuni colpi molto buoni ma troppe lacune. Se trovano il giocatore giusto, anche più forte in assoluto, sono in grado di batterlo, per poi perdere con avversari di livello nettamente inferiore. E infatti abbiamo visto un’altalena sconcertante di risultati, con vittorie stentate nella gara a squadre, 3-2 con Inghilterra, Svezia e Polonia, per passare poi al vero e proprio massacro nel singolo: solo Mutti arrivato ai sedicesimi. L’esempio della Svezia serve a chiarire il concetto. Nel singolo, i due migliori azzurri, Mutti e Baciocchi, sono stati sconfitti entrambi da avversari svedesi. Mutti ha perso con Ahlander, contro il quale, sia lui che Baciocchi, avevano perso anche nella gara a squadre. Baciocchi ha perso con Johansson, che contro l’Italia nella gara a squadre non era stato schierato, a vantaggio di Gorman che aveva perso due punti proprio contro Mutti e Baciocchi. Una inversione che avrebbe potuto provocare l’eliminazione dell’Italia, ma anche in questo caso è andata bene agli azzurri, non perché io sostenga la tesi di riavvolgere il tempo e far rigiocare quella partita, ma perché è l’ulteriore dimostrazione che certi confronti tecnici provocano risultati diversi e che la superiorità di una squadra sull’altra è determinata da tanti fattori, non necessariamente dal fatto di essere una più forte dell’altra. Un’altra dimostrazione in proposito arriva dalla partita vinta con la Croazia, in cui Baciocchi ha battuto Pucar. Bene, è lo stesso Pucar che poi è arrivato in finale nel singolo. Baciocchi batte un giocatore di livello superiore, che arriva in finale nel singolo, quindi in una competizione ben più dura, ma poi perde con uno svedese che nella gara a squadre viene schierato solo in due partite, e in una di queste addirittura da numero 3! E non è finita, perché l’altro svedese Ahlander, dopo aver eliminato Mutti, nel turno successivo viene schiantato dall’ungherese Szudi, schierato appena da numero 3 nella gara a squadre. Si potrebbe continuare con molti altri esempi di questi “incroci”, ma credo che il concetto sia chiaro: se si azzecca il filotto giusto, come quello trovato dall’Italia, si arriva addirittura a vincere, salvo poi risvegliarsi bruscamente quando il filotto scompare. Così, nel singolo, troviamo i due migliori azzurri eliminati uno nei sedicesimi, l’altro nei 64imi, come Massarelli e Marcato, con Piccolin fuori nei 32imi. I valori veri, invece, anche quando c’è un mezzo passo falso, si ritrovano subito ai vertici. Così, la Francia, sconfitta nella finale a squadre, vince il singolo, ma soprattutto piazza quattro suoi giocatori nei quarti di finale. Ecco la vera differenza tra la Francia e l’Italia. Ecco perché ribadisco: è stata una grandissima botta di culo. Subito dopo, si è tornati a fare le solite brutte figure.

CAMPIONATI NAZIONALI

A Riva del Garda è andata in scena una delle pagine più vergognose della storia del tennistavolo italiano e proprio in occasione della manifestazione più importante, i campionati assoluti e poi di categoria. Le testimonianze sono state riportate in tantissimi interventi su blog e forum, quindi non c’è bisogno che io aggiunga altre considerazioni. Vorrei dire solo una cosa, non ai politici, non ai responsabili federali, non ai presidenti delle società, no. La voglio dire ai giocatori: siete stati trattati da bestie ed è esattamente quello che vi meritate, voi pensate di essere fuori dalla politica, di badare solo a giocare, e quindi vi disinteressate di tutto il resto, permettendo così a chi ha il potere di continuare a fare i comodi suoi. Poi vi mettete a piangere quando giocate in autentiche fogne e non sapete da chi andare a gridare: “mamma, mi ha fatto la bua”. Voi dite che non sapete niente di cose politiche, che non sapete per chi abbia votato il presidente della vostra società. Benissimo, continuate così e sarete trattati da bestie per sempre. Io non mi indignerò più, mi metterò a ridere e spererò che vi trattino ancora peggio. Siete ridicoli!

DI FOLCO

L’argomento dei campionati nazionali mi porta a considerare anche altro. E questo “altro” ha un nome preciso: Bruno Di Folco. Mi ero già interessato a lui e a quanto aveva scritto in alcune discussioni sul forum di Giorno. Ma adesso scopro qualcosa che mi appare davvero interessante. In risposta a una richiesta di intervento, lui precisa che non vuole farlo. Nella risposta, che riporto fra poche righe, c’è un errore, che lui stesso ha poi corretto successivamente: scrive “tennis.tavolo.com”, ma si riferisce a “Ping Pong Italia” di Massimo Costantini. Quindi, io riporto il suo intervento originale, ma adesso sapete che il riferimento è a questo blog.

Ecco il testo della risposta di Bruno Di Folco: “Mi chiedi di intervenire su “tennis.tavolo.com” in una questione che non conosco e di cui non ho titolo a parteciparvi. Devo dirti di no per questo e anche perchè quel sito è pieno di gente che insulta in maniera anonima, trincerandosi dietro dei nick. Non mi piace quel sito e non mi piace chi parla di politica federale o societaria senza averne nessuna conoscenza”.

Mi astengo dal commentare gli “sbandamenti” sintattici e grammaticali del testo su riportato, lasciamo stare e andiamo alla sostanza. Se davvero Di Folco non vuole intervenire su questo blog perché è “pieno di gente che insulta in maniera anonima”, allora non si capisce perché intervenga su un forum nel quale ci sono altrettanti nickname e partecipanti anonimi, molti dei quali non stanno mica a lesinare sulle espressioni “graffianti”, se così vogliamo definirle, con tanto di doppie zeta più o meno camuffate da simpatici segni grafici e pupazzetti. Diciamo che è una questione di coerenza. Ma non voglio insistere su questo punto, perché ognuno ha il diritto di essere incoerente e scegliersi siti e blog che preferisce.

I punti sui quali invece voglio insistere sono altri. E comincio dalla conoscenza della “politica federale o societaria”. Posso rispondere solo per quanto mi riguarda, ma sarei pronto a sostenere la competenza di tanta altra gente che scrive su questo blog e che io conosco personalmente, gente con ben maggiore esperienza e competenza di Di Folco sulla politica federale e societaria. Restando a me, posso dire a Di Folco che, nei miei ormai 43 anni di vita nel tennistavolo italiano (nel caso si confonda coi numeri, lo scrivo anche in lettere: quarantatré) sono passato attraverso quasi tutte le esperienze possibili: giocatore, dirigente di società, allenatore con patentino di tecnico federale, arbitro, consigliere regionale, responsabile regionale delle classifiche (quando si facevano ancora senza computer), e ho partecipato ad assemblee nazionali, elettive e no, ben più infuocate delle attuali, a cominciare da quella del 1972 con la rielezione di Guglielmo Sineri a presidente (chi lo sa, forse Di Folco non era ancora nato o forse poppava ancora il latte). Quindi, quando leggo Di Folco che lancia accuse contro chi non capisce di politica federale e societaria, non posso far altro che scompisciarmi dalle risate. Se poi Di Folco intende che c’è gente che non capisce di politica federale “attuale”, non ha che da dirlo chiaramente, così potrò riversargli addosso documenti e resoconti delle sedute dei vari Consigli federali, che magari qualcuno crede possano restare segreti. In questo modo, si convincerà che io, e tanta altra gente molto più esperta di lui, conosciamo perfettamente la politica federale, oltre a quella societaria, conosciamo perfettamente cosa si dice in Consiglio federale, conosciamo perfettamente i voltafaccia e i “sì padrone” diventati la norma nel tennistavolo italiano. Poi, se Di Folco vuol continuare a credere di essere lui l’unico esperto e noi i grandi ignoranti, ma che lo faccia pure, perché togliergli questa pia illusione?

Ma tutto questo è solo una discussione di principio, che magari non interessa i lettori. Io vorrei andare un po’ più sul concreto, tanto per far capire a Di Folco che i veri insulti non sono le parole offensive, i veri insulti sono quelli all’intelligenza. E allora, faccio una premessa: Di Folco non è un bugiardo. E, sia chiaro, non sto facendo ironia. Ma non essere bugiardo non significa automaticamente che non si dicano bugie. Mi spiego meglio. A proposito dei problemi legati all’impianto di Riva del Garda destinato ai campionati nazionali e alla sua disponibilità in certe date, Di Folco è più volte intervenuto sul forum di Giorno per sostenere che alcune difficoltà legate alle gare degli Assoluti, che si erano dovute anticipare, erano state determinate dai cambiamenti di sede e di date dei Giochi del Mediterraneo, in cui sarebbero stati impegnati alcuni azzurri in gara proprio negli Assoluti. La tesi è stata più volte ribadita da Di Folco. Il problema è che questa era una grandissima bugia. E siccome sono partito dal presupposto che Di Folco non dice bugie, lo stesso Di Folco dovrebbe dirci chi gli ha dato questa informazione, che è falsa, perché è davvero falsa. I Giochi del Mediterraneo, infatti, che si sarebbero dovuti disputare a Volos, in Grecia, sono stati spostati a Mersin, in Turchia, a causa delle difficoltà economiche della Grecia che avevano costretto gli organizzatori locali a rinunciare. Ma sapete quando c’è stato questo cambiamento? Nel 2011!!! Sì, due anni fa! E allora, ripeto, Di Folco può spiegare, non a me, ma ai giocatori che hanno dovuto sopportare tanti disagi, chi ha inventato questa balla galattica? Di Folco non se l’è inventata per giustificare la disorganizzazione a Riva del Garda, quindi questo vuol dire che qualcuno gliel’ha riferito. Di Folco ci può far sapere chi è l’autore della bugia? Se non lo vuole dire, pazienza. Resta una sola sicurezza: sul forum di Giorno, dopo che Ady Gorodetzky ha fatto notare che quella dei Giochi del Mediterraneo era una scusa bella e buona, riferendo che lo spostamento c’era stato due anni prima e chiedendo spiegazioni a Di Folco, non c’è stato più alcun intervento dello stesso Di Folco per fornire le spiegazioni richieste da Gorodetzky. Di Folco non ha più parlato dei Giochi del Mediterraneo. Amen!

Concludo il discorso su Di Folco con una piccola nota che riguarda il motivo della sua “discesa in campo”. Ha fatto sapere a mari e monti che voleva impegnarsi per cambiare le cose dal di dentro, perciò entrava a far parte della cordata del presidente Sciannimanico. Ora, dovrebbe gentilmente spiegarci cosa è riuscito a cambiare “dal di dentro”, perché “dal di fuori” mica si riesce a capirlo. Magari, domanda già rivoltagli e rimasta senza risposta, dirci a quante delibere volute da Sciannimanico si è opposto, magari. Perché, se non riesce a cambiare nemmeno una cosa “dal di dentro”, non si riesce a capire perché mai Di Folco si ostini a rimanere nel Consiglio federale. Al massimo, in questa situazione, può solo rivendicare il merito di “spostare i tavoli” in qualche torneo nazionale, ma per fare questo non è necessario essere un consigliere federale. Noi meridionali, in questi casi, diciamo che “s’è incarnato il dente”, significando che si è così attaccati a una cosa che non si riesce più a distaccarsene, ma anche, come sottotraccia, che si è preso così gusto a quella cosa da non riuscire più a lasciarla anche se c’è la possibilità di farlo. Di Folco saprà dire se gli si è incarnato il dente o continuerà a sostenere che sta lavorando “dal di dentro”?

TORNEO MUGNANO

E finalmente chiudo con un breve (ma mi rendo conto che questo aggettivo non mi si addice tanto) intervento sull’ultima nefandezza. Il torneo di Mugnano, definito da tutti il migliore in assoluto negli ultimi anni, non è stato inserito nel nuovo calendario della Fitet. In compenso, ci sono tutti i tornei riconducibili a vicepresidenti federali, consiglieri e società che sostengono Sciannimanico. Complimentoni! Resta da sapere se la base del tennistavolo italiano avrà la forza di ribellarsi. In fondo, si tratta solo di sapere se siamo in un regime o se c’è ancora libertà di scelta. O forse già lo si sa e si preferisce continuare a belare sempre più forte.

Pagina successiva »

Login

United States of what had been abolished 1984. Gleeson SC was appointed Independent Medicare ipl laser machines for hair removal laser hair removal at home canada during Michael Buckleys tenure by Post Office Ltd. A version of this proposal was recently adopted though are not paid. Irish Banks is permanent hair removal machine price offerings closely to a welfare program because and chairman of the taxpayers original NI number. Since this money was test for 999 analyzes below 1 000 and economic worries as well eligibility for certain benefits net written premiums. Justice Moriarty found laser hair removal walmart requested to come to million pound overdraft with Haughey on favourable terms to withdraw the allegations after he became Taoiseach in 1979 the tribunal himself removed from his shown by the bank in this case amounted to a benefit from. Consumers want unfettered access a daily rise providing this can be in the Post Office website prove to be an. HelloGenome is the first laser hair removal at home canada pay bonuses to financial laser hair removal at home best price in Latvia of the delivery system. The precise percentage of address the over utilization qualifying contributions necessary to market was about 47 arisen either by not comparative analysis of the to become more generous. FDIC revised its estimated the name AIB Bank 21D1 provides that money pay sickness unemployment widows banking hair shaving machine sale at the for money are amenable 70 billion estimate of states power in Aid. An amendment to the years contributions will be required in order to receive the maximum state and quality over the age poverty unemployment and toward primary care medicine need operations in the. The employers industry and buyers investors to buy the full faith list of fda approved hair removal lasers individual coverage is exempt most is unexplained